Capodanno

data: 1 gennaio

Il Capodanno si festeggia a Mosca come in tutto il mondo il primo di gennaio di ogni anno.

Ci sono dei bellissimi fuochi d’artificio in tutta la città ed in particolare in Piazza Rossa tra le guglie della Cattedrale di San Basilio e la torre del Cremlino.

Mosca, la Terza Roma, è la meta ideale per passare il Capodanno, sicuramente l’atmosfera invernale ed il fascino della capitale della Russia rappresentano il mix perfetto per una meravigliosa vacanza.

E’ tuttavia necessario prenotare il volo con un certo anticipo per poter usufruire di tariffe aeree vantaggiose, ad esempio prenotando in settembre si riescono a trovare tranquillamente biglietti a 300 eur a/r, per controllare le compagnie aeree verso Mosca consultare qui.

Per quanto riguarda la pratica di visto è sufficiente muoversi con un mese di anticipo, il costo si aggira tramite agenzia sui 140 eur mentre per l’ambasciata o verso i consolati si pagherà la tariffa fissa, soluzione ideale per chi può permettersi di andare due volte a Milano o Roma perché abita li vicino o per altri motivi, per ulteriori informazioni consultare qui.

In merito a dove alloggiare vi consigliamo la nostra sezione alberghi, consultare qui – ricercate quelli più commentati – e con posizione centrale possibilmente vicino ad una stazione della metropolitana.

Ritornando a Mosca, nei giorni che precedono e succedono al Capodanno l’attrazione principale è la pista da pattinaggio in Piazza Rossa, come i diversi laghetti ghiacciati su cui si può pattinare.
Per i cittadini russi, i primi 10 giorni dell’anno sono festivi – quindi è un periodo di ferie all’estero – e troverete una città tranquilla e godibile.

Il capodanno in Russia è una festa prettamente familiare, ci si riunisce tutti insieme e si mangia caviale rosso o nero a seconda del reddito, insalata russa (immancabile in ogni famiglia), cetrioli e champagne, e svariate pietanze a seconda dell’etnia e dei gusti della famiglia.

E’ prassi comune sintonizzarsi sul “Canale 1” ed ascoltare il discorso del Presidente allo scoccare della mezzanotte e da li iniziare i festeggiamenti per l’anno nuovo.

Il primo giorno dell’anno è tradizione fare visita allo Zoo in quanto l’entrata è gratuita e ci si può godere uno spettacolo meraviglioso senza sborsare un copeco.

Il Natale Ortodosso quest’anno, 7 gennaio 2020 è di martedì, e quindi sarà un grande giorno di festa con la classica cerimonia alla Cattedrale del Cristo Salvatore.

Il budget per fare una settimana di ferie a Mosca in questo periodo dipende moltissimo dalla data di prenotazione, per esempio prenotando a Settembre si può arrivare a spendere meno di 1000 eur a persona (250 di volo, 150 di visto, 500-600 eur di 7 notti), mentre se si prenota a novembre si può arrivare tranquillamente a spendere 1500 eur a persona.

E’ però curioso conoscere la tradizione del “Capodanno vecchio“.

Nel periodo storico antecedente Pietro il Grande (il famoso zar russo, 1672-1725), in Russia si festeggiava il Capodanno ai primi di marzo. Pietro I, un grande riformatore che desiderava avvicinare la propria patria all’Europa, modernizzandola grazie a numerose riforme, emanò tra l’altro un decreto che prevedeva che il primo giorno di ogni anno venisse celebrato il primo di gennaio come negli altri Paesi europei.

In quel periodo, la Russia si atteneva ancora al calendario giuliano. Però, nel 1917, i bolscevichi emanarono un decreto ufficializzando a tutti gli effetti l’adozione del calendario gregoriano, da tanti anni in vigore presso molte nazioni. In quell’anno tuttavia, la differenza di tempo tra calendario giuliano e quello gregoriano consisteva in tredici giorni.

Per rimuovere tale discrepanza, i bolscevichi presero la seguente decisione: il giorno seguente il 31 dicembre 1917 non sarebbe stato il 1° gennaio 1918 bensì il 14 gennaio, in maniera tale da far passare i fatidici tredici giorni.

Capodanno a Mosca

Ma la Russia è un Paese molto vasto, in cui usi e costumi differiscono spesso tra loro, e quindi non tutti si abituarono ad adottare il calendario gregoriano. In effetti vi sono molte persone che ancora oggi continuano pure a festeggiare il Capodanno che cade il 14 gennaio (Capodanno vecchio) in nome di una bella e simpatica tradizione.
È davvero curioso ricordare che solo in Russia si usa festeggiare il capodanno per ben due volte. La prima assieme a tutto il resto del mondo nella notte dal 31 dicembre al 1° gennaio e la seconda nella notte che va dal 13 al 14 gennaio.
Che cosa significa per i russi festeggiare il nuovo anno in data 14 gennaio? Ognuno dà la propria spiegazione. Per alcuni si tratta di cominciare il nuovo anno con la cosiddetta “foglia bianca” apportatrice di buoni auspici, per altri si desidera semplicemente festeggiare una ricorrenza che affonda le proprie radici in una vecchia usanza.

Va ricordato che il Capodanno Vecchio (14 gennaio) non è considerato giorno festivo in Russia, ma, in omaggio ad una vecchia tradizione, la gente ama dare il benvenuto lo stesso all’anno nuovo.

Per il Capodanno Vecchio non si fanno regali, non si festeggia tutta la notte e in Tv vengono riproposte le stesse trasmissioni andate in onda la sera del 31 dicembre. Si prepara tuttavia una cena festiva, celebrando la ricorrenza in modo più calmo e tranquillo rispetto alla serata del 31 dicembre.