I russi hanno “nostalgia” di Stalin

Mentre il Presidente russo Vladimir Putin continua a godere di un consenso altissimo, è curioso notare come l’approvazione per l’operato di Josef Stalin e per la sua eredità sia aumentato negli ultimi anni.

stalin

Un quinto, o il 20 per cento, degli intervistati nel mese di dicembre dal centro sondaggi Levada ha dichiarato che Stalin era un “leader saggio, che ha portato il potere e la prosperità nell’Unione Sovietica”.

Nel 2007, il numero di intervistati che ha concordato con tale affermazione è stata del 14 per cento.

Ancora più persone, il 34 per cento, ha riferito che “qualunque siano gli errori ed i difetti” attribuiti a Stalin, il suo principale risultato è stato quello di assicurare la vittoria per l’Unione Sovietica nella seconda guerra mondiale – che è di sei per cento in più rispetto al sondaggio del 2007.

Il numero di persone che hanno ritenuto che “solo un leader dal pugno duro sarebbe stato in grado di mantenere l’ordine” durante la lotta di classe, il caos e la “minaccia esterna” che esisteva da 50 a 70 anni fa, è rimasto invariato – al 15 per cento.

Circa un intervistato su cinque (21 per cento) ha una visione esclusivamente negativa del dittatore, descrivendolo come un “duro, tiranno disumano, responsabile della distruzione di milioni di persone innocenti”.

Stalin, che governò l’Unione Sovietica per più di due decenni, è più conosciuto in Occidente per il suo regime sanguinario caratterizzato da terrore, deportazioni, prigionie e purghe.

La visione più popolare tra gli intervistati nel sondaggio (45%) è che il regime di Stalin ha portato “bene e male, in egual misura”, rispetto al 44 per cento nel 2007.

Per il 12% degli intervistati, l’esperienza passata fornisce una ricetta per il futuro, dicendo che i russi hanno bisogno di un leader come Stalin a “mettere le cose in ordine.” Nel 2007, solo il nove per cento la pensava così.

Nel mezzo di una situazione di stallo continua con l’Occidente, la popolarità del Presidente Putin ha raggiunto un massimo storico a quasi il 90 per cento.

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*