Sposarsi a Mosca

A Mosca ci si sposa presso lo ZAGS, un ufficio adibito alle funzioni matrimoniali.

Ogni zona della metropoli moscovita ha il suo ZAGS quindi a Mosca ci sono diversi uffici adibiti ai matrimoni.

Sposarsi a Mosca è conveniente – chiaramente tra cittadino/a italiano/a e cittadina/o russa/o – in termini di tempistiche e di documentazione burocratica da produrre e può essere un’alternativa simpatica ed esotica ai matrimoni nostrani.

Che cosa serve portare dall’Italia?

– copia del passaporto legalizzata e apostillata*;
– certificato di stato libero (questo documento vale 6 mesi) legalizzato e apostillato*;
– foglio in cui si dichiara che si intende sposare la cittadina russa di nome/patronimico/cognome , generalità, il tutto legalizzato e apostillato*.

Questi documenti vanno legalizzati e tradotti in russo presso gli uffici competenti (costo sui 3000 rubli nel 2011).

Dopo aver ottenuto la traduzione e legalizzazione si può andare allo ZAGS con la futura sposa e consegnarli, lei dovrà portare con se la copia del suo passaporto (interno).

Una volta consegnato il tutto, si dovrà compilare un modulo, pagare un balzello amministrativo di pochi rubli, ritornare allo ZAGS con la tassa pagata e scegliere la data di matrimonio (di solito almeno un paio di mesi dopo).

Curiosità. Gruppi Sanguigni in Russia

*L’apostilla (originariamente dal latino a post illa dopo quelle cose, poi passata al francese apostille) è una certificazione che convalida per l’uso internazionale l’autenticità di un atto pubblico, ed in particolare un atto notarile. Sostituisce quindi la legalizzazione del documento effettuata presso l’ambasciata dello Stato in cui verrà utilizzato, ha validità nei soli Paesi sottoscrittori della Convenzione dell’Aia del 1961. e deve essere apposta da una della Autorità identificate nella Convenzione stessa.

Una risposta a Sposarsi a Mosca

  1. Pingback: 12/12/12 data magica per sposarsi oppure no? | Mosca, Russia: notizie, hotel, voli, meteo

I commenti sono chiusi.