Curiosità

Sono stati cambiati molti nomi delle stazioni della Metropolitana di Mosca, in alcuni casi addirittura più volte.
Questo accadde in particolar modo dopo la caduta dell’Unione Sovietica, quando i nomi sovietici furono sostituiti con i nomi originari.
Lo stesso procedimento si applicò spesso anche a luoghi, strade e piazze. Per esempio:

Dzerzhinskaya –> Lubianka: Feliks Dzerzhinskij era il capo della terribile polizia segreta Cheka (precedente al KGB). Sopra la stazione si trova la famosa Lubianka, il quartier generale dei servizi segreti. Nel 1990, dopo aver rinominato piazza Dzerzhinskij con il suo nome storico, cioè piazza Lubianka, anche alla stazione della Metropolitana venne assegnato questo nome.

metro di mosca 1935

Kirovskaya –> Chistye Prudy: Sergej Kirov era un protetto di Stalin e membro del comitato centrale, che in seguito divenne vittima della caduta di Stalin. Nel 1990 il nome della stazione venne sostituito con quello di uno stagno nelle vicinanze. Fu Alexander Menshikov, il favorito di Pietro il Grande, a far ripulire il piccolo lago, originariamente una cloaca maleodorante, denominandolo “Chistye Prudy” (“Stagno Pulito”).

Prospekt Marksa –> Okhotnyi Ryad: questa stazione inizialmente fu intitolata a Karl Marx, ma dopo la caduta dell’Unione Sovietica si ritornò al nome originario, Okhotnyi Ryad (“File di Selvaggina”): in questo luogo, nel XVII secolo, si teneva un mercato della selvaggina e del pollame.