LinkedIn bloccato in tutta la Russia

LinkedIn, il maggiore social network per lo sviluppo di contatti professionali, è stato bannato in Russia dopo che la Corte di Mosca ha confermato la precedente decisione da parte di Roskomnadzor. LinkedIn è accusato di non riuscire a rispettare una legge che richiede alle aziende internet che operano sul territorio della Federazione Russa di archiviare i propri dati su server situati in Russia.

Molti avevano considerato la legge del 2014 inapplicabile, e LinkedIn non è certo l’unica internet company a non soddisfare tali requisiti. Molti osservatori pensano che LinkedIn è stato bannato da Roskomnadzor per migliorare la propria posizione negoziale sulla localizzazione dei dati con gli altri colossi della rete (Facebook, Google, ecc.).

linkedin

“Nessuno farà le barricate per LinkedIn, non è molto popolare in Russia” – dice David Homak, un ingegnere imprenditore IT e software. La posizione indifesa di LinkedIn lo rende un bersaglio perfetto.

LinkedIn ha inviato agli utenti della Russia una e-mail di notifica, sostenendo che è deluso dal divieto ” che interferisce con il networking professionale e la ricerca di opportunità economica per molti dei nostri membri stanziati in Russia”. Le autorità russe insistono che LinkedIn non è un grosso problema. Il Vice Primo Ministro Olga Golodets, per esempio, ha sostenuto che la scomparsa di LinkedIn dalla rete russa non avrebbe un impatto sul mercato del lavoro del Paese.

Ma le imprese russe e le persone in cerca di lavoro la pensano diversamente.

Yevgeniya Dvorskaya, il fondatore di JungleJobs, un motore di ricerca russo che collega i “cacciatori di teste” con le aziende, si è detta preoccupata per le conseguenze del potenziale divieto per la sua attività. La sua azienda ha oltre 500 reclutatori professionali sulla sua piattaforma, e l’utilizzo di LinkedIn è stato essenziale nel loro lavoro.

“Questo sarà un vero colpo per l’industria”, ha detto alla rivista The Moscow Times. Ciò che rende LinkedIn così prezioso per i reclutatori in tutto il mondo è che è facile da usare. A differenza dei tradizionali siti di ricerca di lavoro ha ampie impostazioni di ricerca. La maggior parte delle sue funzioni non richiedono un abbonamento a pagamento.

Per Dvorskaya, il vantaggio più importante del sito è che gli utenti non dichiarano apertamente che stanno cercando un lavoro, ma, allo stesso tempo, sono aperti a nuove opportunità di carriera. “Rispetto ai luoghi di lavoro regolari, è un modo molto più sottile di comunicazione”, ha detto Dvorskaya. 

Ora, gli utenti russi sono suscettibili di optare per i siti web di ricerca di lavoro locali, ma qui troveranno meno opportunità. Non ci sono attualmente alternative russe a LinkedIn. 

Detto questo LinkedIn precisa che “è comunque possibile accedere LinkedIn al di fuori della Russia”.

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia, News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*