Il Kirghizistan riconosce i risultati del referendum di Crimea

Il Kirghizistan, nella persona del Ministero degli Esteri, ha riferito di ritenere validi i risultati del referendum di domenica scorsa in Crimea, in cui la regione ha votato a favore della secessione dall’Ucraina e per l’adesione alla Russia.

“I risultati del referendum in Crimea riflettono le opinioni della maggioranza assoluta della regione, e questa è la realtà”.

Kyrgyzstan

“Tutte le iniziative e le azioni devono essere indirizzate esclusivamente a mantenere la fragile pace e la stabilità in Ucraina e nella regione”.

La dichiarazione è una ferma accusa alle ex autorità ucraine per la crisi politica nel paese, che ha portato alla cacciata del presidente Viktor Yanukovich .

In precedenza, il Kirghizistan aveva dichiarato che non riconosceva Viktor Yanukovich come presidente dell’Ucraina, perché “ha perso la fiducia del suo popolo e fuggì dal paese.”

Un trattato che prevede l’annessione della penisola del Mar Nero è stato firmato dai capi della Crimea e dal presidente russo Vladimir Putin nella giornatà di martedì 18 al Cremlino.

fonte: tradotto e riadattato da Ria Novosti

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*