8 ottobre 1970: il premio Nobel a Solzhenitsyn

L’8 ottobre del 1970, lo scrittore, drammaturgo e storico russo Alexander Solzhenitsyn o Solženicyn ‬vinceva il premio Nobel per la Letteratura “per la forza etica con cui ha perseguito le tradizioni fondamentali della letteratura russa”.

La storia personale di Solzhenitsyn è poco nota ma permette di capire la sua grandezza e perché ha vinto il premio Nobel nel 1970.
Arrestato nel 1945 per aver criticato il regime di Stalin, ha servito otto anni nelle prigioni russe e nei campi di lavoro (gulag) . Dopo la morte di Stalin , Solzhenitsyn è stato liberato dal suo esilio e ha iniziato a scrivere a tempo pieno. La sua prima pubblicazione, “Una giornata di Ivan Denisovic ( 1963), è apparso in atmosfera un po’ meno repressiva grazie al regime di Nikita Krusciov (1955-1964).

solzhenitsyn

Il libro è stato molto letto sia in Russia che in Occidente, e le sue dure critiche al sistema di repressione stalinista hanno fornito una visione drammatica nel sistema sovietico. In ogni caso, i funzionari sovietici censurarono Solzenicyn e altri artisti russi, in particolare le opere: Divisione cancro ( 1968) e i magnifici tre volumi dell’Arcipelago Gulag , 1918-1956 ( 1973-1978 ) . Il governo sovietico ha ulteriormente dimostrato il suo disappunto per gli scritti di Solzhenitsyn , impedendogli di accettare personalmente il suo premio Nobel nel 1970 . Nel 1974 , fu espulso dall’Unione Sovietica per tradimento , e si rifugiò negli Stati Uniti.

Nel 1990 la cittadinanza russa di Solzhenitsyn  fu ripristinata e nel 1994 ritornò in Russia con sua moglie Natalia, che era diventata cittadina statunitense.

Solzhenitsyn morì di infarto il 3 agosto 2008, a 89 anni. Il servizio funebre fu tenuto nel Monastero Donskoy di Mosca con solenni funerali di stato.

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*