Obelisco misteriosamente smantellato nei pressi del Cremlino

Gruppi e siti web per la conservazione del tesoro artistico di Mosca sono in allarme per un monumento sotto la parete del Cremlino che è stato smantellato, senza alcun preavviso.

Testimoni oculari hanno riferito di aver visto il monumento, un obelisco del 1917 per commemorare i nomi dei dirigenti bolscevichi, venir smontato pietra per pietra da lavoratori edili in due giorni a decorrere dal 30 giugno, secondo CityBoom​​, un portale di notizie su Yopolis.ru.

obelisk alexander garden

Il monumento è stato eretto nel 1914 in ricordo dei 300 anni della dinastia Romanov, e in origine aveva i nomi degli zar Romanov incisi sul obelisco. Ma i bolscevichi lo ricostruirono dopo il 1917, incidendo i nomi dei rivoluzionari comunisti.
La Direzione Affari presidenziale, l’agenzia governativa che sovrintende Alexandrovsky Sad e i territori che circondano il Cremlino avrebbe detto che il monumento sarà semplicemente ricostruito.

Nel 1918, quando il monumento è stato rifatto, le sue fondamenta sono state gravemente danneggiate. L’obelisco è stato a lungo in condizioni precarie, in modo da evitare che cada sui visitatori è stato messo in ristrutturazione.

Eppure, lo smantellamento è stato fatto senza alcun preavviso, e neppure il vicino ufficio di supervisione musei del Cremlino è stato informato.

Ma secondo le fotografie di un blogger attivista gli operai edili stanno letteralmente distruggendo il monumento.

fonte: tradotto e riadattato da moscownews.ru

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Obelisco misteriosamente smantellato nei pressi del Cremlino

  1. Thomas scrive:

    Tralasciando il fatto che era bruttino e stato semplicemente stuprato dai dirigenti sovietici l’originale che oltre alla presenza dell’acquila bicefala zarista era stato costruito per i 300 anni della dinsatia Romanov. Quindi se lo risistemano come erano in origine bene se invece hanno deciso di buttarlo via e sempre meglio che ripresentarlo come era negli ultimi 90 anni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*