Ritorna il vino georgiano in Russia

Decine di produttori di vino georgiano hanno ricevuto il via libera per chiedere il permesso di effettuare vendite sul mercato russo.

vino georgiano

L’embargo sul vino e sull’acqua minerale georgiana è iniziato nel 2006, in coincidenza con un deterioramento delle relazioni bilaterali che è culminato con la breve guerra tra Russia e Georgia nel mese di agosto 2008.

Il capo del Servizio di protezione dei consumatori Gennady Onishchenko ha riferito che 36 produttori di vino georgiano e quattro produttori di acque minerali potrebbe passare a registrare i propri prodotti con le autorità presentando dei campioni.

Ben 93 cantine georgiane hanno espressamente segnalato che vorrebbero esportare nel mercato russo, ha riferito lo stesso Onishchenko.

Un’altra indagine è in fase di elaborazione e potrebbe avvenire dopo il 25 marzo. In seguito a questa, l’agenzia deciderà se consentire le vendite di chacha, un liquore molto forte georgiano a base di uva e loro parti, simile alla grappa italiana.

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*