Il Governo russo vuole nazionalizzare le lotterie

Il governo russo vuole nazionalizzare tutte le lotterie del Paese, anche se al momento la maggior parte di esse sono in mano ai privati.

Nel 2005, il Servizio federale ha rilasciato 4.000 licenze per condurre lotterie, mentre attualmente ci sono solo tre lotterie di stato organizzato interamente dal governo.

Sportloto, a sostegno delle Olimpiadi di Sochi, è condotta dal Ministero delle Finanze; Gosloto è organizzato dal Ministero dello Sport e Pobeda è organizzato dalla Spetsstroy (l’Agenzia federale per le costruzioni speciali).

Le autorità regionali e comunali possono anche gestire alcune lotterie.

Lo Stato monopolista

A partire dal 2014, rimarranno in piedi solo le lotterie di Stato, secondo il protocollo di un incontro datato 16 novembre guidato dal Primo Vice Primo Ministro Igor Shuvalov. Sarà negata la possibilità di fare concorsi anche agli enti locali.

Il ministero delle Finanze ed il Ministero dello Sviluppo Economico hanno chiesto di preparare gli emendamenti alla legge sulle lotterie entro il 10 dicembre. Solo questi due Ministeri sarebbero in grado di organizzare le lotterie, il che significa che la lotteria Pobeda dovrà essere chiusa entro il 2014.

Il denaro raccolto sarà impiegato per la Coppa del Mondo del 2018

La proposta aumenterebbe il reddito federale delle lotterie da 1 a 10 miliardi di rubli. I due ministeri dovranno suggerire come il denaro dovrebbe essere speso entro il 20 dicembre.
I fondi dovrebbero andare verso i preparativi per la Coppa del Mondo di calcio 2018.

In molti Paesi, le lotterie statali sono utilizzati per finanziare programmi sociali e grandi eventi sportivi. Ad esempio, le Olimpiadi di Londra sono stati in parte finanziato con i soldi della lotteria nazionale, con 2,2 miliardi di sterline investiti per la costruzione dello Stadio Olimpico, nel Velodromo e nel Centro Acquatico.

fonte: tradotto e riadattato da moscownews.ru

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*