Ennesima bufera di neve su Mosca

Un’altra pesante tempesta di neve ha coperto le strade e di nuovo paralizzato il traffico di Mosca, esattamente come la scorsa settimana.
Questa mattina, Yandex.Probki ha stimato il traffico a 9 punti su 10 possibili (praticamente il collasso della circolazione), proprio come giovedì scorso. Il traffico di mattina nei giorni feriali è di solito al massimo di circa 5 punti.

Le strade che portano dalla periferia verso il centro di Mosca sono le più colpite. Il MKAD, dove la scorsa settimana la gente ha dovuto passare la notte e tornare indietro per il lavoro, è bloccato.

La situazione è aggravata dal gran numero di incidenti per via delle strade sdrucciolevoli.
La polizia consiglia alle persone di lasciare l’auto a casa.
Tuttavia, anche i pedoni devono anche stare attenti visto che i marciapiedi sono stracarichi di neve, e passeggiare ormai assomiglia ad una corsa a ostacoli.

Quelli in volo da e per Mosca dovrebbe prendere i treni Aeroexpress da e per gli aeroporti.
Mentre gli aeroporti sono operativi, come al solito, un volo da Mosca Vnukovo a Sochi con i ministri russi a bordo è stata ritardata a causa del tempo. I ministri sono in viaggio per un incontro con il presidente Vladimir Putin dedicato a bilanci regionali.

Altra neve prevista per oggi

La neve dovrebbe scendere per tutto il giorno, oggi è previsto un quarto della quantità che di solito cade in un mese.
Durante il giorno le temperature raggiungeranno i due gradi, e la neve si trasformerà in pioggia. Strade e marciapiedi sono coperti di neve scivolosa, e chiaramente i moscoviti sono invitati a prestare massima attenzione.
Il Ministero delle emergenza russo ha emesso un avviso di nevicata forte nella parte europea della Russia e nell’Estremo Oriente.

Durante il fine settimana, la strada che collega Mosca a San Pietroburgo è stata praticamente paralizzata. Il Ministro per le Emergenze ha detto che la colonna composta da oltre 4.000 camion si estendeva per quasi 200 km.

fonte: tradotto e riadattato da moscownews.ru

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*