Al via i controlli per i pass gratuiti del trasporto pubblico

Le autorità cittadine hanno in programma di monitorare i movimenti di coloro che utilizzano i mezzi pubblici gratuitamente, nel tentativo di segnalare le persone che utilizzano illegalmente la concessione.

Il quotidiano Izvestia ha riferito che le autorità di trasporto pubblico hanno iniziato a seguire la frequenza e gli itinerari dei viaggiatori concessionari di pass gratuito.

“I funzionari saranno in grado di trovare facilmente una persona con un pass sociale. Chiaramente, i soggetti controllati non saranno le nonnine 80-enni, a cui la carta è stata emessa, invece, potrebbe essere, per esempio, suo nipote, che ha preso in prestito il pass” ha dichiarato Anton Buslov, rappresentante dell’organizzazione della città e dei trasporti pubblici.

Dove e quando

Un database riceve informazioni sull’orario in cui un titolare di carta di concessione passa attraverso i tornelli delle stazioni della metropolitana o degli autobus ogni giorno. Queste informazioni saranno poi trasmessi ai controllori. Secondo Buslov, la metropolitana già raccoglie tali dati ora, ma al momento le autorità metropolitana non utilizzano le informazioni per catturare gli utenti in possesso di carte in modo illegale, in quanto non esiste un regolamento ad hoc.

Quest’anno, gli ispettori hanno sequestrati 60.000 tessere ad uso gratuito utilizzate in modo illegale. Ben presto, però, la sanzione per l’utilizzo della carta di qualcun altro aumenterà di ben 2,5 volte – fino a 2.500 rubli (62,5 eur). L’anno scorso la direzione della metropolitana ha minacciato di chiedere sanzioni penali per i comportamenti illegali di tali utenti e rivelare i loro nomi. Il direttore scientifico dell’Istituto dei Trasporti e della gestione delle strade, Mikhail Blinkin, propone la soluzione più semplice ovvero quella di limitare il numero di viaggi su ogni pass in concessione.

fonte: tradotto e riadattato da moscownews.ru

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*