Padre ortodosso semina il panico nel centro di Mosca

Padre Timofei ha causato un incidente sulla Val Zatsepsky nel centro di Mosca su una BMW con targa diplomatica dell’ambasciata di Malta.
Tutti e tre i conducenti coinvolti nello schianto, tra cui il sacerdote, sono rimasti feriti. Testimoni oculari dicono che sembrava ubriaco.

Padre Timofei (Alexei Podobedov) è stato precedentemente coinvolto in uno scandalo quando, in quanto abate aveva consentito alla pop star russa Filipp Kirkorov di pronunciare un discorso in chiesa dall’Ambone (l’ambone è la struttura sopraelevata dalla quale vengono proclamate le letture) al battesimo della figlia, dove è invece vietato l’accesso ai laici.

L’incidente d’auto è avvenuto il 31 luglio a tarda notte in Val Zatsepsky, ma solo ora i dettagli sono stati rivelati, grazie a quanto riferito da Gazeta.ru.
La BMW Z4 azzurra con targhe diplomatiche, si è schiantata contro una Volkswagen Touareg di fronte ad esso ed è stata buttata a sinistra, dove ha preso in pieno una Toyota Corolla.
Uno dei partecipanti, Irina Likholetova, ha detto che la BMW si è schiantato nella sua Toyota dal lato opposto della strada, attraversando sette corsie di traffico sul Sadovoye Koltso.

“La macchina del mio amico deve essere rottamata, e ha sofferto di una commozione cerebrale. Il colpevole ha rifiutato di prendere esami medici e non ci sarà nessun procedimento penale in quanto la macchina non era sua, ma quella del suo amico con la targa diplomatica dell’ambasciata di Malta”.
Dopo l’incidente Podobedov rimase in silenzio per molto tempo e poi ha iniziato effettuare le chiamate. Diverse auto appena sono apparse sul posto, tra cui una Cadillac con il proprietario della BMW, Nikola Sukmandzhiyev. Egli è il vice ambasciatore di Malta in Russia e lavora come consigliere.

Likholetova ha detto che ha preso la targa fuori dalla macchina e ha offerto 350.000 rubli (poco meno di 10.000 eur). La donna ha rifiutato perché aveva l’assicurazione regolare.
La donna disse che stava guidando a 50 km orari quando la BMW la colpì dopo aver colpito altre auto sulla strada.
Quando arrivò la polizia, gli amici del sacerdote venivano da loro, con partenza e rientro, come se stessero contrattando, ha detto.
Alla fine il sacerdote ha rifiutato di firmare il verbale di arresto, e nonostante una commozione cerebrale la donna doveva andare alla stazione di polizia il 3 agosto per esaminare la nuova relazione.
Il prete era ubriaco secondo i testimoni oculari.

Likholetova ha detto che i testimoni oculari erano medici, che hanno riferito che il sacerdote era palesemente drogato.
Ha detto che il sacerdote aveva “gli occhi vitrei” quando è uscito dalla macchina.
Il conducente di una Volkswagen ha detto che puzzava di alcol quando si parla al sacerdote, e che era “a malapena in grado di stare in piedi”, ha riferito Gazeta.ru.
La Chiesa ha detto Ilya Prorok Timofei è stato in congedo per malattia dal 31 luglio.
Timofei era malato, non ubriaco ha ribadito l’avvocato del religioso.

Il suo avvocato, Vyacheslav Podoprigora, insiste sul fatto che Podobedov non era drogato o ubriaco.
“La persona è malata, è l’assunzione di farmaci potrebbero essere scambiata da persone non informate per qualcos’altro per l’odore”, ha detto.
Podoprigora ha insistito sul fatto che il conducente ha rifiutato i test medici “inconsapevolmente”, dopo aver ricevuto ferite nello schianto, “non solo una commozione cerebrale, molto peggio.”
Ha detto che la vettura è stata fornita da “una persona ortodosso, un nativo della Bulgaria” per la sua necessità di “arrivare da qualche parte.”
L’arciprete Vsevolod Chaplin, un portavoce della chiesa, ha chiesto alla polizia di investigare sull’incidente.
“Penso che non si può nascondere la verità. Le autorità ecclesiastiche devono sempre valutare queste situazioni. Se la persona è colpevole o no, deve essere determinata”, ha detto Russkaya Sluzhba Novostei.

fonte: tradotto e riadattato da moscownews.ru

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*