Due tifosi russi in carcere in Polonia

Un tribunale polacco ha condannato due cittadini russi rispettivamente a tre e due mesi dietro le sbarre, per aver preso parte ad una rissa con i tifosi polacchi prima della partita di Euro 2012 tra la Russia e la Polonia di martedì.

Il tribunale distrettuale di Varsavia sta attualmente riesaminando il caso di un altro tifoso di calcio russo, che ha lanciato un petardo in campo durante la partita.

“I casi di quattro altri russi che hanno partecipato alle provocazioni sono stati restituiti alla Procura per ulteriori indagini”, ha detto al giudice l’addetto stampa di Marcin Lachowski. “La corte ha stabilito di mantenere le persone in stato di arresto temporaneo per tre mesi.”

Gli scontri sono scoppiati a Varsavia, quando i tifosi di calcio russi hanno marciato per celebrare la Giornata della Russia in vista della partita di Euro 2012 tra Russia e Polonia. Il gruppo, circondato da membri della polizia polacca, stava attraversando il ponte Poniatowski nel suo cammino verso lo stadio quando è stato attaccato da hooligans polacchi che avevano i loro volti mascherati.

Due hooligans polacchi hanno ricevuto anche pene detentive a seguito di arresti di massa. Uno di loro è stato condannato a tre mesi e un altro a cinque mesi di reclusione.

Le risse di martedì ha lasciato decine di civili e 17 poliziotti feriti. Circa 25 russi hanno necessitato di assistenza medica, e uno di loro rimane in un ospedale. Alla fine la polizia di Varsavia ha arrestato 156 tifosi polacchi, 25 russi, uno spagnolo, un ungherese e un algerino.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*