Mathias Rust si pente per il volo sulla Piazza Rossa

Vi ricordate quando Mathias Rust atterrò con il suo Cessna bianco sulla Piazza Rossa il 28 maggio 1987?

Il 19 enne pilota dilettante proveniente da sobborgo di Amburgo era consapevole del rischio di volare nello spazio aereo sovietico, spazio che senza dubbio era quello più strettamente sorvegliato al mondo.

Rust ha voluto simbolicamente porre fine alla Guerra Fredda stupendo il mondo con il suo volo audace proprio nel cuore dell’impero sovietico.

Ha iniziato la sua sei ore di volo da Helsinki ed è stato estremamente fortunato a non essere abbattuto dai MiG-23 che erano in cerca di lui dopo che era scomparso sugli schermi radar sovietici.

Passò nella regione di Pskov e volò attraverso l’anello d’aria della formidabile difesa di Mosca, che era in quel momento fortunatamente spento per manutenzione.

Rust sostiene che egli non si nascondeva ai radar e costantemente era a circa 600 metri di altitudine. Gli esperti dicono che Rust è stato risparmiato perché la leadership del paese era riluttante ad attaccare aerei civili dopo che i caccia sovietici avevano abbattuto un jumbo jet coreano nel 1983, uccidendo 269 persone.

Rust ha detto che era mal preparato per l’atterraggio in quanto aveva solo una conoscenza rudimentale della geografia della città.

“Ho dovuto fare il giro molte volte prima di trovare la Piazza Rossa”, ha detto, aggiungendo che è riuscito ad orientarsi solamente grazie all’Hotel Rossiya, che è stato demolito nel 2006.

Riuscì a portare l’aereo in modo sicuro sul ponte Moskvoretsky sul lato della Cattedrale di San Basilio solamente perché i cavi elettrici erano stati rimossi.

Rust è stato condannato a quattro anni in un campo di lavoro. E’ stato rilasciato nel 1988 dopo aver trascorso 14 mesi nella prigione di Lefortovo.

“Non lo farei di nuovo …. E’ stato irresponsabile” ha confessato alla rivista tedesca Stern in un articolo di questo mese.

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*