Il ritorno di Stalin sugli autobus della vittoria

Gli autobus pubblici con l’immagine del leader sovietico Joseph Stalin, saranno per le strade di circa 40 città in tutta l’ex URSS alla vigilia delle celebrazioni che segnano la sconfitta della Germania nazista il 9 maggio.

Lanciato a San Pietroburgo nel 2010, la campagna “Autobus della Vittoria” si svolge per il terzo anno consecutivo, ancora una volta suscitando polemiche e facendo arrabbiare hli attivisti per i diritti.
Secondo il capo del progetto, Viktor Loginov, quest’anno un numero record di città in Russia, Ucraina, Lettonia, Estonia e Bielorussia ne prenderanno parte.
“L’accordo finale e una buona notizia per tutti noi, è che la capitale bielorussa Minsk parteciperà al progetto”, ha scritto nel suo blog. Bielorussia, insieme con le aree centrali di Russia e Ucraina, è stato ferito più di qualsiasi altra parte dell’URSS dall’invasione nazista, Loginov sottolineato.

Il progetto è una iniziativa privata, finanziata con il denaro raccolto su Internet. Secondo il sito web Bus Victory, costa circa 20.000 rubli decorare un veicolo con le immagini di Stalin o le sue citazioni famose nelle regioni, e più di 3.000 dollari – a Mosca.

Gli organizzatori sottolineano che il loro progetto non ha nulla a che fare con la politica e certamente non può essere interpretato come una provocazione.
“I nostri obiettivi sono solo il ripristino della verità storica, riportando una visione obiettiva della storia … e congratulandosi con i veterani per l’anniversario della grande vittoria di un grande paese, che è stato condotto da Joseph Stalin in quel duro, tempestosa periodo di tempo” affermano.

Tuttavia, il capo del Cremlino Consiglio dei Diritti Umani, Mikhail Fedotov ritiene che gli autobus con l’effige di Stalin sia molto di più di una provocazione.
“Abbiamo molto di cui essere orgogliosi, anche la nostra vittoria nella Seconda Guerra Mondiale. Possiamo trovare un sacco di modi per immortalare il ricordo dei nostri eroi. Stalin è una figura che provoca lo scontro nella società, e non c’è bisogno di quella scintilla. E’ dannoso” ha detto a Interfax.

Leader russo per i diritti “Memorial” è contro l’iniziativa: “la propaganda di con l’immagine di Stalin è una vergogna per il paese, la prova che questo paese non ricorda nulla. E scredita la Russia”.
Nel frattempo, l’iniziativa ha già creato uno scandalo ad Ekaterinburg, dove l’immagine di Stalin è stato riferita, rimossa da un bus dopo che i rappresentanti della comunità cecena hanno espresso il loro malcontento.

Il rappresentante della repubblica cecena nella regione degli Urali, Salaudin Mamakov ha dichiarato alla stampa che i ceceni locali stanno progettando di presentare un ricorso all’ufficio del pubblico ministero e difensori civici dei diritti umani. Egli ha sottolineato che molti ceceni sono state vittime della repressione di Stalin.

Nel corso della Seconda Guerra Mondiale, l’intera nazione cecena ei loro vicini ingusci, sono stati deportati su ordine di Stalin dalle regioni occidentali dell’URSS in Siberia e l’Asia centrale. Il leader sovietico li aveva accusati di collaborazionismo con le truppe d’invasione naziste.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*