Mosca definisce la sentenza Bout “inaccettabile”

Il ministero degli Esteri russo si è scagliato contro la sentenza a Viktor Bout, che è stato condannato a 25 anni di carcere da un tribunale degli Stati Uniti. Mosca ha definito la sentenza “inaccettabile”.

Nel mese di novembre, è stato trovato colpevole di aver cospirato per vendere armi al gruppo di opposizione armata colombiana FARC, che è considerato un’organizzazione terroristica da parte del governo degli Stati Uniti.
Il termine è il minimo per il reato al quale è stato condannato. L’accusa aveva chiesto alla Corte di condannare Bout all’ergastolo.

Bout era de facto stato rapito sul territorio di un paese terzo per la sua estradizione negli Stati Uniti. Il processo è stato altrettanto viziata.
“Possiamo dire con una certezza che Bout è stato sottoposto ad illegittima pressione fisica e psicologica, che ci fosse uno spin negativo sul suo caso” ha detto Dolgov.
Ha aggiunto ufficiale che Mosca non vede il caso come chiuso e continuerà a sostenere il team di difesa di Bout e a contestare la sentenza.

“Continuiamo a credere che le accuse contro Viktor Bout siano infondate. Essi si basano sulla speculazione della giustizia americana di intenti criminali, piuttosto che azioni concrete del nostro cittadino” ha detto il funzionario.

Egli ha aggiunto che la frase “conferma che ci sono seri problemi con la magistratura americana, che le sentenze dei tribunali sono governate dalla giustizia selettiva e da pregiudizi.”
L’obiettivo principale della Russia rimane quello di utilizzare tutti i mezzi legali per vedere il ritorno di Viktor Bout al suo paese d’origine.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*