La Russia si spegne per l’Earth Hour

Circa 15 milioni di russi hanno osservato quest’anno, l’evento denominato “ora per la terra”. Si tratta di circa il 40 per cento in più rispetto all’anno precedente.
La celebrazione a Mosca è stato centrata su Vorobyovy Gory (Colline dei passeri), che si trova nei pressi del campus della Università Statale di Mosca, nel sud-ovest della città.

Grazie alla sua altezza, ha una spettacolare vista del grattacielo della capitale, per cui gli osservatori sono stati in grado di vedere chiaramente un totale di 75 strutture famose di Mosca che si spegnevano. Stiamo parlando dello Stadio Luzhniki appena oltre la Moscova, Moscow City Hall, diversi edifici stalinisti conosciute collettivamente come le “Sette Sorelle”, (compresa struttura centrale dell’università), diversi ponti e l’Accademia di Scienze moscovite, tra gli altri.

Una spettacolare celebrazione si è svolta sulle stesse colline, con uno spettacolo di fuoco, il lancio di centinaia di lanterne nel cielo e uno spettacolo di laser.
Anche a San Pietroburgo si è svolto l’Earth Hour è stato centrato in Piazza del Palazzo principale della città. La città spegne illuminazione per i famosi ponti sul fiume Neva, il Palazzo d’Inverno, la Fortezza di Pietro e Paolo, il Museo Navale Centrale e altri edifici.

La Russia viaggia attraverso nove fusi orari ma l’oscuramento delle luci è un gesto chiaramente simbolico, invitando le persone a cercare un migliore equilibrio tra il desiderio dell’umanità per il consumo e la capacità del pianeta di sostenerlo.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*