La Chiesa Ortodossa russa accusa i Bolscevichi

La Chiesa ortodossa russa ha messo a punto un’iniziativa per verificare le opere dei padri fondatori del bolscevismo accusati di estremismo.

“Dobbiamo discutere se le opere di Lenin, Trotsky e altri leader bolscevichi possono essere considerati estremiste”, dice l’arciprete Vsevolod Chaplin, responsabile delle Relazioni esterne della Chiesa. “Come dobbiamo trattarli e coloro che continuano a utilizzare gli elementi più radicali dei loro testi nelle loro attività politiche e di propaganda?”
Ha aggiunto che alle loro opere dovrebbe essere data una valutazione giuridica, morale e politica”, come giustificare le repressioni di massa contro le persone innocenti”.

“La propaganda del nazismo è vietata in questo Paese, perché sappiamo che le sue pratiche, l’ideologia e le strutture politiche avevano lo scopo di uccidere un gran numero di persone”, Vsevolod Chaplin ha continuato a dire. “Le opere dei padri fondatori del bolscevismo anche giustificare repressioni di massa e spesso contengono chiamate dirette per il ‘Terrore Rosso'” ha riferito.

Allo stesso tempo, l’arciprete Chaplin ha sottolineato che la Chiesa non è contro l’ideologia di sinistra ed è aperta al dialogo con i suoi sostenitori.

“Siamo positivamente relazionati sia con il Partito Comunista in cui ci sono molti credenti e la cosiddetta ‘nuova sinistra’ che solleva questioni di giustizia sociale.”

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*