Serial killer praticante il cannibalismo arrestato a Penza

Un presunto serial killer che praticava il cannibalismo è stato arrestato nella Russia centrale. Il detenuto ha confessato almeno sei omicidi, ma il numero delle vittime potrebbe essere ben più alto.

Il ventiquattrenne Aleksandr Bychkov è stato inizialmente arrestato nella regione di Penza per esser sospetto di coinvolgimento in una rapina in un negozio di ferramenta.Tuttavia, mentre venivano interrogati Bychkov ha improvvisamente incominciato a raccontare alla polizia di cadaveri che aveva sepolto in un burrone vicino a casa sua.

Secondo il portavoce della polizia, gli investigatori hanno trovato i resti di sei persone. Sono stati “recuperati da terra e inviati per esami.”
L’esame ha rivelato che Bychkov aveva tagliato le sue vittime in pezzi. Ha poi tagliato loro il fegato e li ha mangiati.

“I fatti di cannibalismo sono veri” un alta fonte delle forze dell’ordine della regione ha confermato al giornale Izvestia.
La polizia sospetta che Bychkov possa essere stato coinvolto per ben più dei sei omicidi che ora è accusato, in quanto più persone sono scomparsi nella regione tra il 2009 e il 2011.

Le forze dell’ordine hanno tentato di nascondere le informazioni su questi crimini, nel tentativo di evitare il panico nella comunità. Il capo della polizia locale ha anche cercato di calmare i cittadini con la pubblicazione di un articolo di giornale in cui sosteneva che le voci erano infondate.

Nel frattempo, nel 2011 il Tribunale ha condannato un disabile, Aleksandr Guplov per questi crimini. Ora è evidente che lui è stato molto probabilmente condannato senza motivo.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*