McDonald in Russia punta al franchising per crescere

La catena di fast food statunitense McDonald ha annunciato di cercare di prendere in considerazione l’inizio del franchising nel paese. Questo perché la società sta sentendo la pressione dai rivali Burger King e Wendy.

Il franchising in Russia segnerà un nuovo sviluppo di business per McDonald, come durante i suoi 20 anni nel paese McDonald hanno sempre scelto di lavorare senza intermediari.

Tutti i suoi 314 fast food in ben 85 città russe sono gestiti interamente dalla società. Altrove, quasi l’85% del business globale di McDonald è in franchising – un modello di business che consente a un operatore indipendente di sviluppare il marchio esistente in un dato paese secondo un modello prestabilito.
McDonald può scegliere il franchising come modo più veloce per espandersi, sostiene Ian Nikolaev, analista di beni di consumo della società Aton.

“McDonald è interessato soprattutto a sostenere lo stesso ritmo di crescita. La catena di fast food ha già un sacco di ristoranti in Russia, ha bisogno di aprire molto di più in termini reali per continuare a crescere allo stesso ritmo” ha detto.
Altri operatori di fast-food – Burger King e Wendy, sono stati in forte crescita attraverso il franchising in quanto sono venuti in Russia un paio di anni fa. E i loro piani di espansione sono pure molto ambiziosi. Il gruppo di ristorazione Venrus, un franchisee di Wendy in Russia, ha in piano di spendere più di $ 130 milioni per aprire circa 180 nuovi ristoranti in tutta la Russia entro il prossimo decennio.

Inoltre, gli uomini d’affari russi sono diventati molto più disciplinati di 5 anni fa e il mercato immobiliare commerciale è ora molto più sviluppato. Questo rende la consegna e lo sviluppo di un progetto verso un partner russo più sicuro, ha aggiunto Nikolaev.

La Siberia potrebbe diventare la prima area franchising per McDonald, con 4 nuovi ristoranti fast-food nella città di Tomsk. Ogni ristorante può costare circa 4 – 5 milioni di dollari, con un po’ più di un milione necessario per i sistemi informativi.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*