Giornalista ritorna in Russia dopo 4 anni di divieti

Una reporter investigativa dopo la pubblicazione di un articolo sulla corruzione del governo quattro anni fa aveva ricevuto il divieto di entrare in Russia è potuta ritornare a Mosca qualche giorno fa.
La corrispondente del “New Times” Natalya Morar, nativa Moldava, è arrivata a Mosca da un volo proveniente da Chisinau e le è stato permesso di passare il checkpoint di immigrazione.

“Abbiamo semplicemente acquistato i biglietti, è andato tutto bene attraverso il controllo passaporti, ed ora siamo a Mosca in ufficio” questo è quanto afferma il marito della Morar e l’editor del “The New Times” Ilya Barabanov. Barabanov ha detto che non sono state pianificate conferenze stampa o altri eventi.

Alla Morar era stato negato l’ingresso all’aeroporto Domodedovo nel dicembre 2007 dopo il ritorno da un viaggio in Israele. Le fu detto che era su una lista dell’FSB e le era vietato entrare nel paese per via di una legge che prevede il divieto di entrata agli stranieri che rappresentano una minaccia per la salute e la sicurezza dei russi.

La Morar ha detto che certamente il rifiuto era collegato ad un articolo che scrisse attinente l’amministrazione presidenziale.

Un enorme fondo di cassa da cui ha finanziato e controllato la maggior parte dei partiti che hanno partecipato alle elezioni della Duma di Stato (dicembre 2007) e alla nomina dell’allora capo dello staff del Cremlino Sergei Sobyanin e del suo vice Vladislav Surkov come le persone responsabili del controllo del denaro.

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*