Coppa del Mondo 2018, ecco il logo

Un logo temporaneo è stato presentato per promuovere la Coppa del Mondo del 2018 che si terrà in Russia. E’ la prima volta nella storia del torneo che ad una nazione ospite è stato consentito di utilizzare l’immagine con un bel po’ di anticipo.

Di solito il logo della Coppa del Mondo vengono presentato circa quattro anni prima dell’inizio del torneo, ma questa volta FIFA ha lasciato che il comitato russo per la Coppa del Mondo possa usare un logo temporaneo più di due anni prima dell’inizio della prossima Coppa del Mondo in Brasile.

La conferenza stampa, tenuta a dare un aggiornamento sui preparativi per la Coppa del Mondo in Russia ha visto anche la nascita del primo ambasciatore dell’evento.
“E’ un grande onore per me”, il portiere russo Igor Akinfeev ha dichiarato con orgoglio. “Le nostre città ospiteranno l’evento molto bene e questo darà il via allo sviluppo delle infrastrutture. Sono orgoglioso di essere russo e siamo orgogliosi che la Russia ospiti la Coppa del Mondo”.

Nel frattempo, vi sono 13 città candidate e 15 stadi, la lista è da mettere insieme per settembre.
“Il criterio principale è la capacità di tenere una festa di sport con tutto il cuore, per mostrare l’ospitalità russa e come brillantemente, bello e con quanto calore siamo in grado di tenere la Coppa del Mondo” il regista del comitato Aleksey Sorokin ha spiegato.

Un altro obiettivo è quello di “mostrare al mondo intero che vecchi stereotipi non esistono più, che la Russia è nuova, che la Russia è giovane, e che la Russia è un partner degno per il mondo non solo sul campo di calcio, ma anche nella vita quotidiana.”
Cinque stadi sono in costruzione in questo momento a Mosca, San Pietroburgo, Sochi e Kazan.

Mosca e San Pietroburgo sono sicuri di ottenere il ruolo chiave, mentre Sochi e Kazan si pensa siano certezze perché nella prima si terranno le Olimpiadi invernali del 2014 e nella seconda le Universiadi del 2013. Tutte e quattro ospiteranno la Confederation Cup in fase di preparazione alla Coppa del Mondo.
I restanti sette posti saranno contestata da Kaliningrad, Yaroslavl, Nizhny Novgorod, Samara, Volgograd, Saransk, Rostov, Krasnodar ed Ekaterinburg.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Sport. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*