Sventato piano per assassinare Putin

I servizi segreti russi e ucraini hanno sventato un piano terroristico per assassinare il primo ministro Vladimir Putin, questo secondo quanto diramato dal Primo Canale della televisione russa.

Dietro al complotto si sospetta la responsabilità del terrorista più ricercato di tutta la Russia.

Il Primo Canale della tv russa ha riferito che i criminali ricercati a livello internazionale-detenuti nella città ucraina di Odessa hanno confessato di aver voluto assassinare Putin. L’attacco doveva essere effettuato a Mosca subito dopo le elezioni presidenziali del 4 marzo.

Uno dei detenuti ha rivelato che era volato in Ucraina dagli Emirati Arabi Uniti attraverso la Turchia. Il suo complice è stato ucciso in un’esplosione in un appartamento che avevano affittato, dove gli investigatori in seguito hanno trovato degli esplosivi.
Il terrorista più ricercato è Doku Umarov.

Ha inoltre informato i detenuti di un altro partecipante del gruppo, Adam Osmaevb che è stato in seguito arrestato in Ucraina. Il sospetto ora sta collaborando con gli investigatori nel timore della possibile estradizione in Russia.

“L’obiettivo finale era quello di venire a Mosca e cercare di effettuare un attacco a Putin”, ha confessato Osmaev.
Osmaev, che solitamente risiedeva all’estero, a Londra, era un istruttore di terroristi e il loro contatto a Odessa. Avrebbe dovuto addestrare i presunti terroristi e poi li invia a Mosca. L’intero schema per i preparativi è stato scoperto nel suo computer portatile.

“C’è un video del corteo di Putin in particolare, girato da diverse angolazioni e strade diverse. Essa permette di ottenere tutte le informazioni su un certo numero di veicoli di accompagnamento e il comportamento della scorta”, spiega un ufficiale FSB. “Così gli allievi utilizzano più di un esempio per la preparazione.”
Alcuni detonatori al plastico sono stati portati a Mosca in anticipo. Osmaev ha rivelato dove è stoccato nella speranza di clemenza in vista di una possibile punizione.

“Ci potrebbe essere piuttosto una potente esplosione. Abbastanza per lacerare un camion”, suggerisce un altro ufficiale dell’FSB.
Adam Osmaev non nega che ha studiato accuratamente le rotte del corteo governativo a Mosca. Ha confessato che la preparazione per un attacco era nella sua fase finale. “Il termine è stato dopo le elezioni presidenziali”.
Le informazioni sulla detenzione dei presunti terroristi in Ucraina sono note dall’inizio di febbraio. Tuttavia i dettagli della detenzione e gli obiettivi dei sospetti non sono stati divulgati.

L’ufficio stampa del capo della Russia ha confermato la relazione.
“Confermo le informazioni, ma non rilasciamo alcun commento in merito” questo secondo quando diramato da Russia Itar-Tass.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*