Sberbank fa shopping in Austria

Sberbank ha chiuso l’acquisto della banca austriaca Volksbank International (VBI), che dovrebbe diventare una piattaforma per l’espansione internazionale della banca russa.

Sberbank ha al vertice il tedesco Gref, che ha riferito che l’acquisto è stato il primo passo importante per Sberbank al di fuori della CSI nel suo cammino per diventare una organizzazione finanziaria globale.
VBI ha circa 295 filiali con oltre 600.000 clienti. Si tratta di uno delle principali banche in molti paesi dell’Europa orientale. La banca è stata in difficoltà ed ha guadagnato solo 16 milioni di Euro nel primo semestre del 2011 rispetto a 47,5 milioni di Euro nel 2009.

Prima che gli azionisti di vendita VBI anche iniettato 80 milioni di euro per coprire le perdite della banca nel 2011 subito dopo che il governo ungherese ha fissato il tasso di interesse per i rimborsi ipotecari dopo la caduta del fiorino.
Sberbank ha anche ricevuto 80 milioni euro di sconto, pagando 505 milioni di euro per il 100% della banca.

VBI ha filiali in Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Croazia, Bosnia ed Erzegovina, Slovenia, Ucraina e Romania, quest’ultimo è tuttavia stata esclusa dal contratto a causa degli elevati livelli di rischio del proprio portafoglio.

Gref ha anche sottolineato di non vedere alcun rischio di entrare nel mercato europeo, nonostante l’attuale crisi del debito. “Per i finanzieri il default greco è già accaduto. Ora siamo più interessati a ciò che sta accadendo nel sud d’Europa – Portogallo, Spagna, Italia. Ma noi non siamo presenti in questi paesi. I paesi dove siamo presenti, hanno un chiaro quadro macroeconomico e politico”. Il signor Gref ha anche aggiunto che il mercato dell’Europa orientale è molto interessante, l’ammontare degli attivi bancari è di circa 553 miliardi di euro e si trova vicino al mercato russo, che è di 690 miliardi di euro.

In due o tre anni Sberbank prevede di integrare i propri servizi con la controllata VBI e creare una linea unitaria di prodotto. “Vogliamo che i nostri clienti all’estero abbiano gli stessi servizi che avrebbe ottenuto a Mosca, Vladivostok e Kaliningrad” questa è la vision di Gref, il boss tedesco della più grande banca russa.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*