Putin e l’idea di ripagare la società dai furti degli anni 90

Vladimir Putin vuole che le controversie derivanti dalle privatizzazioni caotiche della Russia degli anni ’90 finiscano una volta per tutte. In un incontro con i principali uomini d’affari russi, il Primo Ministro ha dichiarato che gli imprenditori coinvolti potrebbe dover pagare un una tantum per proteggere i propri beni.

In un incontro con i principali uomini d’affari russi, il Primo Ministro Putin ha suggerito che i risultati della privatizzazione 1990 dovrebbe essere stabiliti una volta per tutte, ma che gli imprenditori affinché la Comunità accetti questo piano – hanno il dovere di versare un una tantum.

Non è la prima volta che Vladimir Putin ha detto che la privatizzazione iniziale in Russia non era del tutto giusta, ma è la prima volta che il Primo Ministro, attualmente in corsoper la presidenza, ha detto che coloro che hanno beneficiato devono compensare il resto della società.

“Dobbiamo voltare pagina. Dobbiamo porre fine a questo periodo. Ci sono varie opzioni suggerite e tutte devono essere discusse con la gente e con gli esperti. Esaminate in modo tale che la società accetta la possibilità di chiudere il problema della sleale privatizzazione degli anni 1990” ha detto Putin.

Putin ha detto che un meccanismo particolare deve essere creato per raggiungere lo scopo.
“Questo può essere un importo forfettario o qualcos’altro. Dobbiamo pensare insieme. Penso che la società nel suo insieme e gli imprenditori in quanto classe sono interessati a questo” ha detto Putin.

Nella stessa riunione, Putin ha chiesto uno dei partecipanti, il presidente del board del Gruppo Magnitogorsk Metals, il miliardario Viktor Rashnikov, che ne pensava della tassa sul lusso.
“Hai appena espresso questa idea … dobbiamo pensare e valutare,” ha risposto l’uomo d’affari. “Ma se è arrivato il momento …”.

Putin lo ha ringraziato “Grazie per la risposta”  mentre il pubblico rideva.
Allo stesso tempo, Putin ha detto che il governo non si ha intenzione di imporre pesanti imposte sui settori economici diversi dalla produzione di materie prime.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*