La Fiat ritorna in Russia

La casa torinese ritorna in Russia. La firma della lettera di intenti con la Sberbank, arrivata in nottata, prevede una partnership (80% Fiat, 20% la banca russa) per produrre e commercializzare nel paese veicoli Jeep.

Sberbank, la banca controllata dallo Stato finanzierà interamente il progetto, concedendo la linea di credito necessaria alla nuova società.

L’ accordo raggiunto ieri prevede l’ apertura di due stabilimenti.

Il primo, con un investimento di circa 850 milioni di euro, per produrre 120 mila vetture all’ anno – verrà localizzato nei dintorni di San Pietroburgo dove hanno già sede altre case famose, tra cui: Volkswagen, Toyota, Nissan, Gm, Ford, Hyundai.

Il secondo sarà realizzato a Mosca, nella famosa fabbrica ZIL (partecipata al 64% dalla municipalità di Mosca). Zil era la nota casa automobilistica che sfornava le auto di lusso per la nomenclatura del partito comunista, dove verranno assemblate vetture con marchio Jeep.

fonte: La Stampa, Corriere della Sera, Motori.it

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*