Femen a Mosca da Gazprom

Molto attive nonostante le fortissime gelate, le Femen hanno inscenato una protesta in topless contro il super potere del gigante del gas russo.
Senza paura ed in topless, le ragazze ucraine si sono tolte i vestiti di fronte al palazzo Gazprom a Mosca, con in mano striscioni con scritto “racket del gas Stop!” e altre frasi molto forti.

Una delle attiviste è riuscita anche a salire sul tetto del checkpoint della Gazprom, sventolando la bandiera ucraina, prima che le guardie di sicurezza l’abbiano portata verso il basso. La ragazza è stato arrestato ed è ora in un ufficio di polizia locale.
In questo modo, le ragazze hanno espresso la loro protesta contro “Vladimir Putin e la manipolazione di paesi europei che dipendono dalle forniture russe di gas”.

Il blog ufficiale di Femen dice che le attiviste sono indignate per il “terrore del gas” russo contro l’Ucraina in coincidenza con il periodo più freddo dell’anno.
L’organizzazione sta protestando contro “la pressione russa sui paesi dell’ex blocco sovietico, sul monopolio dei prezzi e altre motivi connessi al monopolio russo”.
Il movimento Femen si è reso famoso attraverso la realizzazione di proteste in topless in Ucraina e nei paesi di tutta l’Europa.

Non tutte le manifestazioni sono finite pacificamente. Nel dicembre del 2011, tre attiviste che protestavano a Minsk contro la lunga presidenza della Bielorussia sono state sequestrate da agenti del KGB bielorusso. Le manifestante hanno detto che i funzionari le minacciavano con coltelli, tagliato i capelli e poi le attiviste sono state lasciate sole e nude nei boschi.
Il 16 gennaio, il ministero della Giustizia ucraino ha rifiutato di registrare Femen come un movimento politico ufficiale, affermando che la sua posizione è estremista.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*