Morto a 52 anni l’uomo più alto di Russia

Alexander Sizonenko, l’uomo più alto di tutte la Russia, che una volta era apparso nel Guinness dei Primati come il giocatore più alto nella storia del basket, è morto il 5 gennaio all’età di 52 anni.

La storia della vita di un atleta, che nel 1980 è stato classificato come uno dei più forti centrali dell’URSS insieme a Arvidas Sabonis, Alexander Belostenny e Vladimir Tkachenko, è al tempo stesso uno dei più drammatici della storia dello sport russo.

Una volta in pensione nel 1986, a causa di una serie di problemi di salute da acromegalia alle malattie circolatorie, la fama del giocatore immediatamente cadde nell’oblio.

Ha vissuto da solo in stato di povertà in una piccola stanza di un appartamento comunale nel centro di San Pietroburgo – nel 2011 la sua pensione mensile era pari a circa 7.000 rubli (meno di 200 eur) – nel tempo la sua salute si è deteriorata e ha sviluppato il diabete e l’osteoporosi. La sua camera era così piccola che l’ex giocatore di basket non riusciva nemmeno a raddrizzare la schiena, quando si alzava.

La situazione di Sizonenko ha ricevuto improvvisamente l’attenzione dei media, nell’estate del 2011, quando i giornalisti locali hanno scoperto che dopo essere caduto in casa, l’ex atleta aveva trascorso quasi una settimana senza assistenza medica. A causa della sua altezza – due metri 40 centimetri – e il peso (200 chilogrammi), gli è stato negato un posto in cliniche locali, e non è stato ricevuto un trattamento adeguato.

Per settimane, mentre l’uomo malato a letto nella sua stanza sviluppava piaghe da decubito, i funzionari avevano rifiutato le richieste di una badante o di un infermiere per prendersi cura di quello che un tempo era il fiore all’occhiello dello sport del paese.

La situazione di Sizonenko aveva toccato i cuori di centinaia di abitanti, che avevano portato i soldi, medicine e cibo per lui. Essi hanno inoltre firmato una petizione per chiedere il municipio per fermare e chiudere un occhio per la situazione. A causa della sua sindrome, il suo corpo ha continuato a crescere, distruggendo i suoi organi interni, che non poteva far fronte alle enormi dimensioni del suo corpo. Alla fine, uno dei burocrati ebbe pietà del malato – e l’aiuto seppur in ritardo è arrivato.

L’ex giocatore è stato supportato da un infermiere, da un materasso ortopedico su misura, e dalle medicine – tutto in forma gratuita.

A Sizonenko è sopravvissuto il figlio, Alexander, 17 anni, che ha sostenuto il padre durante gli ultimi giorni della sua vita, quando le condizioni Sizonenko era così malmesse che non riusciva nemmeno a mangiare.

Gli amici del giocatore di basket hanno raccolto fondi per la sua sepoltura e anche per la bara appositamente progettata. I suoi amici sono riusciti a raccogliere circa 50.000 rubli (poco meno di 1300 eur).

Diverse decine di pietroburghesi hanno partecipato alla sepoltura nella Cattedrale Vladimirsky il 9 gennaio per salutare l’ex stella dello sport. Durante gli ultimi mesi di vita, Sizonenko ha fatto nuove amicizie, di gente che ammirava il suo coraggio, la sua resistenza, il senso dell’umorismo e la capacità di godersi la vita, nonostante le difficoltà che ha affrontato.

Sizonenko è stato sepolto nel cimitero Severnoye, vicino al suo ex allenatore di basket, Vladimir Kondrashin.

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*