Meno burocrazia per le banche straniere in Russia

Le banche straniere, aprendo filiali in Russia, avranno a breve uguali diritti rispetto alle banche locali di Mosca per via di una modifica legislativa volta a soddisfare le normative dell’Organizzazione Mondiale del Commercio(WTO).

La Russia abolisce quindi la procedura tale per cui, banche di proprietà straniera dovevano ottenere il permesso da parte della Banca centrale (CB) per aprire una filiale. La procedura sarà modificata in modo che le banche straniere dovranno informare solamente la Banca Centrale circa la loro intenzione di iniziare le operazioni in una nuova città in Russia.

Secondo il quotidiano Kommersant l’accordo è stato raggiunto durante i negoziati di adesione della Russia all’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO).

La limitazione corrente per nuovi sportelli di banche di proprietà straniera risale al 1997. E’ esteso il tempo per una banca per aprire una filiale, di solito fino a due mesi, come era richiesto depositare gli atti aggiuntivi, ma non ci sono stati casi in cui una banca non ha ottenuto una licenza, secondo i banchieri intervistati dal quotidiano Kommersant .

Nel frattempo, le banche estere non hanno voluto espandersi in Russia negli ultimi anni. La Banca Centrale ha dato solo sei licenze nel 2011, quattro nel 2010, e solamente una nel 2009.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*