La top model russa Marina Linchuk volto splendido di Max Mara

La bionda bellezza russa Marina Linchuk, ha partecipato alla nuova campagna pubblicitaria per uno dei marchi più antichi e venerati di lusso italiani, Max Mara.

La modella, che vive a New York, ha ottenuto il lavoro quando era a una festa per celebrare l’apertura del “cappotto! Max Mara, 60 anni di moda italiana in mostra a Mosca. La Linchuk è riuscita ad affascinare i capi del leggendario marchio al punto in cui lei è stato offerto un contratto immediatamente.
Le gambe lunghe, capelli lunghi da sirena ha mostrato una serie di emozioni durante il suo servizio fotografico del brand collezione primavera-estate è apparsa come cambia veste come i guanti, e in immagini diverse.

La bellezza 24 enne ha indossando una maglietta a righe da marinaio e un berretto ed un vestito nero.
Ma in realtà dagli occhi azzurri Marina non trapela innocenza come sembra. Attenzione: quando non è sulla pista, può essere trovato in … sul ring. Pugilato e lo snowboard sono i suoi hobby. E’ sempre un po’ ai margini! Ci vuole ben più di un bel viso per essere una modella di successo.

Marina è una delle top model di maggior successo di tutta la Russia, lei però viene dalla capitale bielorussa, Minsk. La sua carriera è invece cominciata a Mosca, in un’agenzia di modelle.
La svolta è arrivata dopo un servizio fotografico con uno dei fotografi di moda più importante di tutti i tempi, l’americano Steven Meisel, l’uomo che ha ritratto Madonna per il suo libro Sex del 1992.

Da allora lei ha deliziato le passerelle per alcuni dei marchi di moda più apprezzati al mondo ed è apparsa sulle copertine delle riviste delle principali “bibbia della moda”.
Nel 2009 è stata invitata ad apparire in “Miss Dior Chérie”, un video clip diretto dal premio Oscar creatore di Lost in Translation, Sofia Coppola.
La sua vita privata è sfarzosa come la sua carriera di moda con il suo fidanzato, nato a Brooklyn, DJ Morale Sal.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*