La “primavera araba” ed il business di Kaspersky Lab

La primavera araba ha radicalmente cambiato la vita di molte persone ma non ha influenzato l’attività di importanti società di software anti-virus come Kaspersky Lab.

Il co-fondatore della società Kaspersky Eugeniy ha riferito che: “Sorprendentemente il nostro business in Medio Oriente non è stato troppo influenzato. Siamo ancora in crescita nel Medio Oriente e abbiamo solidi partner. Naturalmente c’è una pressione dalla situazione nella regione, ma non sui nostri risultati finanziari, o sul nostro sviluppo aziendale”.

Kaspersky continua dicendo: “Naturalmente ci sono alcuni problemi. Abbiamo un team internazionale nel nostro ufficio a Dubai, con persone provenienti da diversi paesi del Medio Oriente. Quando c’è una situazione instabile in alcuni paesi, mi sento nervoso per i nostri dipendenti provenienti da questi paesi, perché la situazione a casa loro non è sicura”.

Kaspersky Lab è diventata uno dei principali sviluppatori di sicurezza informatica negli Emirati Arabi Uniti nel 2010 come la sua quota di mercato complessiva pari al 37 per cento in valore e del 38 per cento in volume, secondo un report IDC. Nel 2010 le entrate dal Medio Oriente sono cresciuto del 35% ed hanno raggiunto quota 131 milioni di dollari. Durante lo stesso periodo Kaspersky Lab ha guadagnato 534 milioni di dollari ed ha mostrato una crescita del 38%.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*