Il killer di Anna Politkovskaya potrebbe essere di sesso femminile

Dalle nuove analisi del DNA scoperto nelle indagini, l’uccisione della giornalista Anna Politkovskaya, sembrerebbe essere stata eseguita da una donna, questo secondo quanto riferito da un avvocato in giudizio.

Un riesame della pistola recuperata dalla scena del crimine ha rivelato tracce di DNA femminile sull’arma, Murad Musayev, l’avvocato della difesa a favore degli indagati nell’uccisione del 2006, ha riferito all’agenzia Interfax.

Anna Politkovskaya è stato uccisa nel suo palazzo il 7 ottobre 2006, dopo anni di scritti (articoli, libri, ecc) e rapporti critici sulle violazioni dei diritti umani in Cecenia.

L’accusa ha insistito sul fatto che Rustam Makhmudov, che proviene dalla Cecenia, è stato l’assassino. E’ stato arrestato l’anno scorso dopo aver trascorso cinque anni in clandestinità all’estero.

Altri tre uomini, tra cui due dei fratelli Makhmudov, sono stati processati per l’omicidio, ma sono stati assolti nel 2009. La Corte Suprema ha poi annullato la sentenza e ha rinviato il caso per ulteriori indagini.

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*