Co-pilota della linea russa UTair muore in volo

Il co-pilota di un aereo di linea russo della compagnia UTair è morto in volo per un malessere non meglio precisato mentre il Boeing era in rotta da Bangkok a Mosca. L’aereo con 239 passeggeri a bordo – tutti i cittadini russi – è stato in grado di atterrare in sicurezza in Siberia.

“Il co-pilota [Golev Sergey, 44 anni] è morto alle 12:25 del mattino, ora di Novosibirsk (05:25 GMT), tre ore dopo il decollo” questo secondo quanto riferito da Anastasia Utochkina “Il capitano ha preso la decisione di atterrare, mentre l’equipaggio ha richiamato un medico donna che si trovava tra i passeggeri. Tuttavia, i suoi tentativi di rianimare l’uomo sono falliti”.

Il capitano ha tentato di atterrare in Cina, mentre gli sforzi di rianimazione erano in corso. Tuttavia, il suo collega è morto durante la discesa, a quanto pare da insufficienza cardiaca acuta. A questo punto, la decisione è stata quella di atterrare in Russia, ed il Boeing 757-200 è atterrato in sicurezza all’aeroporto di Novosibirsk.

La Direzione investigativa dell’autorità di trasporto della Russia ha avviato un’indagine sul caso, nel tentativo di scoprire la causa dell’incidente.
Nel frattempo, i funzionari aeroportuali insistono sul fatto che il co-pilota è stato semplicemente come un passeggero e in nessun modo e in nessun punto aveva il controllo del velivolo.

“Il pilota deceduto stava viaggiando come un passeggero normale” questo secondo quanto riferito da un addetto stampa di Novosibirsk dell’aeroporto Tolmachevo. “L’aereo appartiene alla compagnia aerea UTair, dove lavorava Sergey Golev. Non c’è stato alcun rischio per i passeggeri”.

Tuttavia, secondo la commissione d’inchiesta che ha richiesto i dettagli dell’equipaggio e dei risultati delle visite mediche pre-volo da Bangkok all’aeroporto, nessuna valutazione era stata effettuata in Thailandia. L’ultima volta che l’equipaggio aveva avuto un check-up medico risaliva a pochi giorni prima presso l’aeroporto di Mosca Domodedovo.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*