Udaltsov nuovamente in carcere dopo le proteste

L’attivista dell’opposizione Sergei Udaltsov è stato brevemente ricoverato in ospedale all’inizio di giovedì per la terza volta da quando ha iniziato uno sciopero della fame dopo il suo arresto nella giornata elettorale, questo secondo quanto segnalato dal quotidiano Novaya Gazeta.

Il leader del Fronte di sinistra è stato trasportato in ambulanza da un centro di detenzione all’ospedale di Simferopolsky Bulvar dopo aver avuto un dolore acuto ai reni e allo stomaco, riporta sempre il quotidiano.

E’ stato curato ed è ritornato in galera dopo cinque ore, questo secondo l’agenzia Interfax.

La condizione di salute di Udaltsov è legata allo sciopero della fame che è iniziato il giorno del suo arresto nei pressi della stazione della metropolitana Sokol il 4 dicembre. E’ stato inizialmente condannato a pena detentiva di cinque giorni per aver disobbedito alla polizia, ma la sentenza è stata successivamente estesa per altri 15 giorni.

Nikolai Polozov, avvocato di Udaltsov, ha riferito che il suo cliente è estremamente debole, ha perso peso e ha difficoltà a camminare senza assistenza.

Il medico dell’ospedale ha tuttavia valutato la salute di Udaltsov come “stazionaria”.

Udaltsov è stato arrestato più di 100 volte, soprattutto per la partecipazione a manifestazioni non autorizzate. Amnesty International ha condannato il suo ultimo arresto.

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*