Sul mercato russo boom dei mutui +80%

I russi sono diventati più aperti ai mutui, il loro volume è cresciuto quasi dell’80% nel 2011 rispetto all’anno precedente, dicono gli esperti.

Il mercato dei mutui è stato in grande recupero nel 2011 e, secondo le stime di esperti, dovrebbe raggiungere il suo livello record di 681 miliardi di rubli di quest’anno. Sberbank, la maggiore banca della Russia e tradizionalmente il driver principale del mercato, ha prestato 304 miliardi di rubli nel segmento mutui nei primi 11 mesi del 2011, dice Natalia Karaseva, consulente del Vice Presidente.

Infatti, l’ammontare dei mutui consegnati nel 2011 ha già superato i numeri pre-crisi, dice Anna Lyubimtseva, responsabile del Centro Analitico presso l’Agenzia russa per il Prestito Mutuo per la casa (AHML).

“Ottobre 2011 è stato un periodo straordinario per lo sviluppo dei mutui in Russia, come l’ammontare dei mutui ha permesso durante i primi 10 mesi del 2011 era superiore al livello del 2008 interamente, a 349.500 prestiti.”
Piccole banche russe sono sempre più voce, dice Vadim Pakhalenko, direttore di un dipartimento per le istituzioni finanziarie presso Banca del credito ipotecario Delta.

“La concorrenza è in crescita, che spinge le banche a offrire condizioni migliori di prestito”.
I tassi, in particolare, ha raggiunto il suo più basso in tutta la storia dei prestiti ipotecari in Russia, alla media del 12,1% per i mutui in rubli nel mese di novembre, ha aggiunto Pakhalenko.
In alcuni casi i tassi del mutuo sono ancora più bassi, in alcuni casi sotto l’8%, AHML aggiunge.

“I programmi AHML hanno avuto un effetto significativo sul mercato, che ha ottenuto nuovi traguardi: 7,9% per le abitazioni nuove, 8,9% per un mercato secondario”, dice Anna Lyubimtseva.
Ma l’agitazione economica nell’Unione europea resta una delle principali minacce per il mercato dei mutui, soprattutto se la situazione finanziaria si aggrava.
“Data la forte incertezza, la gente sarebbe molto meno disposti a prendere in prestito a lungo termine”, spiega Pakhalenko.
I tassi potrebbe davvero salire nei primi sei mesi del 2012, Lyubimtseva è d’accordo. Tuttavia, se le economie mondiali eviteranno un forte shock, e l’inflazione in Russia è previsto al 5-6%, si tornerà al 2011 i livelli, con “il mercato dei mutui russo in crescita di circa il 12,5% nel corso del 2012”, conclude Pakhalenko.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*