Arresti e proteste a Mosca nel dopo elezioni

I risultati delle elezioni parlamentari hanno lasciato i sostenitori dell’opposizione in uno stato d’animo decisamente arrabbiato. Mosca ha visto una folla di almeno 10.000 persone scendere in piazza, oltre 300 sono stati arrestati, riferisce l’agenzia di stampa RIA Novosti.
La polizia ha contato 2.000 manifestanti, ma le stime non ufficiali dicono fino a 10.000 persone che hanno protestato a loro modo inChistye Prudy Park per partecipare a un incontro organizzato dal movimento di opposizione “Solidarnost” (Solidarietà).

“Vergogna!” Cantava la folla. I manifestanti hanno rivendicato il partito Russia Unita aveva truccato i risultati delle votazioni. Nel frattempo, mentre la Commissione elettorale centrale ha quasi fatto il suo conteggio, Russia Unita è in arrivo con quasi il 50 per cento dei voti.
La polizia aveva già transennato la zona al largo per un incontro, in cui solo 700 persone erano stata autorizzata a partecipare. Con il flusso di persone maggiore, l’area designata ha straripato e la folla si è riversata in una zona vicina. Quando hanno iniziato a bloccare il traffico, la polizia ha cominciato ad arrestare i manifestanti.

La folla inferocita ha cercato di marciare verso il centro della città, ma il loro passaggio è stato bloccato dalla polizia. Alcuni uomini hanno cominciato a lanciare pietre contro auto parcheggiate vicino al marciapiede. Nel frattempo, la folla si divise con molti che hanno tentato di lasciare il raduno, mentre altri sono riusciti a sfondare il cordone di polizia.

Questa è la più grande manifestazione che c’è stata sulla scia delle elezioni parlamentari. Il centro di San Pietroburgo ha ospitato un altro incontro dove, secondo la agenzia di stampa Interfax, sono state lanciate granate fumogene diverse e sono stati eseguiti altri arresti.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*