Russia Unita ha nominato Putin per la corsa al Cremlino

Il partito Единая Россия chiamato dai russi “ED.RO.” (in italiano “Russia Unita”) ha nominato Vladimir Putin per la corsa al Cremlino.

Il partito ha dimostrato una grande unità intenti nonostante la crescente insoddisfazione dell’opinione pubblica. Russia Unita ha nominato il suo leader Vladimir Putin come candidato alla presidenza con una votazione in stile sovietico – 614 voti su 614 voti espressi a favore.

La riunione del partito ha anche dato il via alla campagna per le elezioni presidenziali di marzo, ed è stata in gran parte una festa per Putin.

I più importanti sondaggisti hanno annunciato che Russia Unita perderà la sua maggioranza costituzionale alla Duma di Stato nella prossima elezione. Probabilmente in reazione a questo, Putin ha ripristinato la vecchia retorica allarmista, accusando le potenze occidentali di ingerenza nelle elezioni russe.

Putin ha sostenuto che sotto la guida del suo partito il paese ha in gran parte superato la crisi economica del 2008-09.

“Ritengono che ogni persona pensante, obiettiva e seria che vuole il meglio per se stesso, i suoi figli e la Russia, sosterrà Russia Unita al 4 dicembre le elezioni della Duma, dove Dmitry Medvedev guida il [partito] lista”, ha detto.

L’evento è stato ufficialmente la seconda parte del congresso di partito che ha avuto inizio il 24 settembre quando il Presidente Dmitrij Medvedev ha annunciato che non avrebbe affrontato la rielezione e che invece avrebbe sostenuto Putin, che ha già servito due mandati presidenziali tra il 2000 e il 2008.

Parlando prima del suo mentore questa Domenica, Medvedev ha elogiato Russia Unita, sostenendo che il paese ha migliorato il tenore di vita dal 2000 ed è il risultato del lavoro del partito.

Ma ha anche fatto alcune critiche marchio di fabbrica del governo, dicendo che “tutti sono stufi della corruzione e della stupidità del sistema.”

I discorsi di entrambi i leader sono stati accolti con entusiasmo dalla folla composta da attivisti dell’ala giovanile del partito, la Giovane Guardia, che ripetutamente gridava “Putin-Putin” e “Russia- Russia “.

Medvedev è stato costretto a interrompere il suo discorso due volte perché il canto è diventato troppo forte.

Ma quando Putin è stato di fronte a fresco “Russia” canti durante il suo discorso, ha fatto il contrario dicendo che erano troppo deboli.

“Quando si grida Putin o Medvedev che è bello, ma quando è ‘Russia’ dovrebbe essere tutta la sala – così proviamo di nuovo”, ha detto alla folla, che debitamente è salito a assordante “Russia-Russia” canti sotto la direzione di Putin .

Questo ha formato un netto contrasto con l’imbarazzo recente all’Olimpiisky, quando Putin, che è venuto sul palco per congratularsi con il campione russo per la sua vittoria – e forse crogiolarsi nella sua gloria riflessa – ha dovuto parlare tra una pioggia di fischi.

“Al Luzhniki la reazione di Putin è meglio che all’Olimpiisky,” il commento di Pavel Fedenko – giornalista della BBC – su Twitter.

Putin si è mostrato in buona forma, annunciando ulteriori benefici agli elettori come l’aumento delle tasse sui beni di lusso e “consumo eccessivo” e criticando uomini d’affari che portano i soldi offshore e che evadono gli obblighi sociali.

Egli ha anche accusato l’Occidente di cercare di influenzare le elezioni russe.

“Sappiamo che nella corsa alle elezioni alcuni Stati esteri pagare ai cosiddetti ricevitori concessione e istruirli a fare il loro lavoro in modo che influenza la campagna elettorale”, ha detto, aggiungendo che si trattava di spese inutili.

Ha paragonato quelli che prendono contributi esteri a “Giuda”, facendo notare che “non è la figura più rispettata biblica in mezzo a noi, ed è meglio che usino questi soldi per ridurre il debito pubblico”.

Sotto Putin nel corso delle prime due presidenze, il Cremlino ha condotto una campagna contro le organizzazioni non governative occidentali nel paese, accusandoli di essere dietro rivoluzioni democratiche in Georgia e Ucraina e per uno sviluppo analogo a Mosca.

Ma per molti osservatori il congresso di oggi sembrava un disperato spettacolo di forza una settimana prima di un voto cruciale per la Duma, sondaggisti dicono che potrebbe tradursi in un colpo doloroso per Russia Unita.

Secondo le indagini rilasciata dal indipendente Levada Center e di proprietà dello Stato sondaggista VTsIOM Venerdì, il partito è destinato a perdere la sua stragrande maggioranza nelle elezioni Domenica prossima, vincendo “solamente” con il 53 per cento dei voti.

Vladislav Surkov, un potente spin doctor del Cremlino che supervisiona la politica nazionale, ha deciso che il partito può vivere con un risultato non inferiore al 51 per cento perché mantiene sufficiente influenza sulle parti rimanenti.

“Un voto tranquillo sarà garantito in ogni caso”, ha detto.

Eppure, il sondaggio Levada ha rilevato che quasi la metà di coloro che hanno risposto – il 46 per cento – si aspettano che le elezioni saranno manipolate.

Il direttore di Levada, Lev Gudkov, ha detto che i risultati riflettono una sensazione crescente che le elezioni saranno manipolate e disoneste. “Russia Unita sta conducendo una campagna piuttosto debole dal punto di vista elettorale”.

fonte: themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*