Nelle regioni russe più remote ci sarà il voto anticipato

Il voto anticipato in Russia per le elezioni della Duma di Stato ci sarà nelle regioni del paese più remote e difficili da raggiungere. Circa 150.000 persone – poco più dell’1 per cento degli elettori – in 34 regioni saranno in grado di esprimere la loro preferenza fino al 3 dicembre.

La procedura è organizzata per i cittadini che, per ovvie ragioni, saranno lontano dalla civiltà il giorno delle elezioni – marinai, esploratori polari, guardiani del faro, meteorologi ed altri.

I membri delle commissioni elettorali regionali consegneranno urne portatili per queste categorie di cittadini, utilizzando elicotteri, motoslitte, e altri strani mezzi di trasporto, come slitte trainate da cavalli. Le scatole sigillate saranno aperto solo la sera del 4 dicembre, quando il conteggio dei voti inizia nel resto del paese.

Il voto anticipato non è solo difficile da organizzare ed eseguire, ma è anche piuttosto un processo costoso. I membri delle commissioni elettorali devono spendere fino a 18 ore al giorno di viaggio, il presidente della commissione della regione di Krasnojarsk, Konstantin Bocharov ha riferito alla stampa.

Essi devono anche essere preparati ad affrontare problemi come il maltempo, la notte polare e altre “sorprese”. Per esempio, i membri della commissione hanno spesso bisogno di una guida per trovare gli allevatori di renne tramite il roaming.

Il voto anticipato è stato lanciato anche per i cittadini russi in 13 paesi stranieri (ad Oriente), dove Domenica non è tradizionalmente un giorno di riposo. In questi Stati islamici gli elettori saranno alle urne il 2 dicembre mentre in Kuwait il 3 dicembre.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*