Mosca avrà un nuovo museo sui Gulag

Un nuovo centro culturale dedicato alle vittime dei campi di lavoro sovietici per chi aveva “sbagliato” le proprie idee politiche è in programma di essere aperto nella capitale russa. L’iniziativa è venuta direttamente dal sindaco di Mosca.

Secondo il capo del Dipartimento culturare della capitale, Sergey Kapkov, la città ha già stanziato un luogo di 3.000 metri quadrati per il nuovo museo.

Egli ha detto che la vedova di Aleksandr Solzhenitsyn sarebbe pronta ad aiutare il nuovo stabilimento in un’ottica di curatore. Il premio Nobel, scrittore e storico Aleksandr Solzhenitsyn ha dedicato gran parte della sua vita, per aumentare la consapevolezza del mondo nei confronti dei Gulag, il campo di lavoro forzato del sistema sovietico. La sua più importante creazione letteraria è “Arcipelago Gulag”, scritta in 10 anni che si basa sull’esperienza personale di Solzenicyn.

Mosca ha oggi un piccolo (300 mq) Museo di Storia dei Gulag nel centro di Mosca. Tale museo è stato fondato nel 2001 dallo storico Anton Antonov-Ovseenko, il cui destino ha preso lui e la sua famiglia attraverso gli orrori delle repressioni silenziose di Stalin. Questo museo è a lungo rimasto l’unico museo del suo genere in Russia.

La sua collezione rivela la natura crudele ed antiumana del Gulag in fotografie, lettere e memorie, documenti d’archivio, oggetti personali di chi ha attraversato i campi di lavoro e opere d’arte dedicate al tema. Tuttavia, un capitolo doloroso della storia russa, che in qualche modo ha toccato ogni famiglia russa, merita molto di più di 300 i metri quadrati di spazio.

I gulag, operativi dal 1936 al 1960, sono stati riempiti da centinaia di migliaia di persone innocenti, perseguitate dalla paura di essere accusati di tradimento e dissenso. Il lavoro nei Gulag sovietici ha lasciato oltre un milione di morti.

fonte: tradotto e rielaborato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>