Miliardi di dollari per creare le Alpi in Siberia

La regione del Lago Baikal vuole trasformarsi in una regione “delle Alpi dell’Asia Centrale” con un progetto da miliardi di dollari per creare una stazione sciistica.

Il fondo di private equity EurAsia Capital Partners di Hong Kong ha unito le forze con il fondo russo Rusresorts  per sviluppare piste da sci lungo la montagna Bychya.

“Abbiamo convenuto che il fondo Eurasia acquisterà il 35% nel nostro progetto per un prezzo di 100 milioni di dollari,” afferma il Direttore Generale di Rusresorts, Petr Shuradice.

Shuradice afferma che “gli investimenti da fare saranno tra i 220 e i 250 milioni di dollari e il finanziamento restante verrà da denaro preso in prestito o dalla vendita di immobili della stessa località”.

Petr Shura crede che la partnership con gli investitori asiatici “contribuirà ad instaurare efficaci relazioni con i fornitori asiatici, operatori turistici e prenderà parte alla attrazione di finanziamenti”, aggiungendo che per la progettazione e lo sviluppo di resort Baikal “tutte le aziende leader a livello internazionale sono stati invitate”.

Shura ritiene che “resort Baikal” attirerà turisti asiatici. “Il flusso turistico annuo può fare tranquillamente 4-500 mila ospiti, e ci aspettiamo che il 90% di loro verranno dall’Asia”, ha aggiunto.

Il Managing Partner di Eurasia Capital Partners, concorda che il turismo è in aumento e “come su molti prezzi dei terreni ultimi anni intorno al Baikal è cresciuto del più volte, e la domanda di turismo ecologico sta crescendo in tutto il mondo”, che, secondo le sue parole, “potrebbe fare 20-22% di rendimento annuo degli investimenti”.

Il resort Baikal sarà costruito in Buriazia nel territorio di una zona economica speciale denominata Baikal Harbor.
La costruzione sul sito di 2.300 ettari inizierà nel maggio del prossimo anno con l’apertura ufficiale prevista per il 2020. Ci saranno circa 3.500 camere e saranno costruite 2.500 case come parte del progetto.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*