Il governo russo sostiene la produzione farmaceutica locale

Il governo russo sta spendendo 200 milioni dollari – nell’anno in corso – per sostenere la produzione farmaceutica locale. I farmaci prodotti all’estero rappresentano ad oggi il 70% del mercato russo.

Un elenco stilato dal governo dice che 50 su 57 farmaci di importanza strategica non sono fatti in Russia. Questo lascia il paese dipendente dalle importazioni per soddisfare le esigenze ordinarie dei russi – alcuni dei quali potrebbero morire se non ottengono i farmaci che devono prendere.

Denis Manturov, il Vice Ministro del Commercio e dell’Industria, dice che il governo è pronto a fornire aiuti finanziari per la ricerca e lo sviluppo di qualsiasi azienda, interna o estera, disposti a produrre i farmaci in Russia. 83 progetti hanno già ricevuto sussidi per 1,3 miliardi di rubli. Il Vice Ministro ritiene inoltre che aderire all’OMC non danneggerà i produttori di farmaci russi.

Un altro aspetto fondamentale è quello di portare la produzione russa di farmaci agli standard europei. Il governo ha approvato un programma che mira a rendere tutti i produttori russi in grado di soddisfare le norme europee GMP entro il 2014. Se non lo fanno entro il 2015 le loro licenze verranno revocate. Ma questo sembra essere meno di una sfida in quanto l’85% dei farmaci sul mercato rispettano già questi standard. Il problema principale risiede nei circa 400 piccoli produttori che compongono il resto del mercato.

Il valore del mercato farmaceutico russo dovrebbe raggiungere 600 miliardi di rubli per la fine di quest’anno, con una crescita dell’8% rispetto all’anno scorso. Manturov crede che i prodotti farmaceutici non dovrebbero aspettarsi la robusta crescita di volume come hanno fatto negli anni 2000, quando gli utili annui erano pari al 30%.


fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*