Il data center di Sberbank è il più grande d’Europa

Sabato, nel corso di una cerimonia di apertura, la banca russa Sberbank ha inaugurato il data center da record, ben 16.500 metri quadrati a Yuzhny Port – il più grande del suo genere in Europa, dando una dimostrazione di forza e sicurezza.

Il data center, sviluppato da imprenditori irlandesi e russi in 15 mesi, è costato circa $ 1,2 miliardi, una somma che la banca si aspetta di pagare entro 2 anni. Il centro dati centralizzato avrà l’obiettivo di memorizzare tutte le informazioni provenienti da banche regionali di Sberbank, diminuendo il tempo necessario per implementare i servizi bancari.

Sberbank prevede di sviluppare un secondo centro dati a Skolkovo, che coprirà 7.000 metri quadrati di spazio.

L’impianto di Porto Yuzhny centralizza anche l’elaborazione dei prestiti ai privati ​​e alle piccole imprese per ridurre il tempo necessario per ricevere prestiti. Il vice presidente del reparto rischi Vadim Kulik ha detto che la struttura è quello di un sistema da 28 centri integrati per elaborare i prestiti su 800 luoghi diversi in tutto il paese.

“In passato”, Gref ha detto in un’intervista con Vedomosti “, c’era un problema molto grande per la banca in merito alle frodi. … Una persona poteva entrare in 13 filiali diverse a Mosca e ricevere credito 13 volte. Ogni volta sarebbe stato un nuovo cliente . … Ora le frodi da parte di persone singole sono diminuiti fino a 9 volte”.

Kulik ha detto che con il sistema precedente si impiegavano 14 giorni per approvare una candidatura su carta, ma il nuovo sistema online integrato approva prestiti in una media di 17 ore. Circa 8 milioni di persone hanno partecipato al programma negli ultimi tre anni, per una somma pari a 100 milioni di dollari di crediti ogni giorno.

Negli ultimi tre anni, Sberbank ha fatto grandi passi per modernizzare e centralizzare tutti i suoi sistemi IT. “Quando la nostra squadra è arrivata”, ha detto Gref Vedomosti, la spesa per l’IT era dell’1,5 al 2 per cento del fatturato, ora quel valore è arrivato quasi all’8 per cento.”

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*