Russia sull’orlo della stagnazione secondo Khodorkovsky

Il magnate Mikhail Khodorkovsky, dalla prigionia siberiana, prevede un periodo di stagnazione in Russia, che sarà seguita da una crisi politica e poi da un cambio di potere. “Si spera, senza spargimento di sangue”.

L’ex amministratore delegato della Yukos crede che Vladimir Putin, che prevede di correre per la presidenza nel 2012, non lascierà il potere, né trovare alcun successore.

“Non c’è nessuna figura autoritaria nel paese che sarebbe in grado di fornire Putin di garanzie sicure” ha riferito Khodorkovsky, rispondendo alle domande dei lettori sul sito della stazione radiofonica Ekho Moskvy.

“Il compito della opposizione liberale è quello di tutelare i valori della libertà e dei diritti umani negli anni della stagnazione e di facilitare le conseguenze della rivoluzione”, ha detto, aggiungendo che l’opposizione dovrebbe diventare “parte attiva e costruttiva della coalizione post-rivoluzionaria”.

Khodorkovsky è convinto che la Russia ha una possibilità di sviluppo produttivo. Tuttavia, è possibile solo se la nazione dal punto di vista politico, imprenditoriale e intellettuale (“l’elite”) deve smettere di considerare la Russia come un semplice mulino da macinar soldi e comprendere che i loro interessi dipenderanno dallo sviluppo del paese.

L’ex uomo più ricco di Russia, Khodorkovsky, sta scontando una condanna a 13 anni di carcere per evasione fiscale, frode e riciclaggio di denaro sporco. Come d’abitudine passa le sue risposte ai lettori del sito web di Ekho Moskvy attraverso i suoi avvocati.

fonte: tradotto e rielaborato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*