Anna Chapman incorre nello scandalo plagio

L’ex spia ed ora nota sex symbol Anna Chapman si è trovata al centro di uno scandalo per plagio dopo aver scritto un articolo su Alexander Pushkin, tale articolo è ritenuto la copia di un saggio di Matveichev.

Chapman – le cui precedenti apparizioni sulla stampa sono in gran parte limitate al suo arresto per spionaggio nei confronti degli Stati Uniti e nella diffusione di sexy foto nelle riviste per uomini – ha scritto l’articolo per amore del grande poeta russo sull’edizione del lunedi della Komsomolskaya Pravda.

Ma il tentativo di critica letteraria è stato velocemente smontato da un’onda di sdegno in quanto è stata accusata da un blogger di aver copiato interi passaggi da un libro famoso di Oleg Matveichev.

Nel suo libro del 2009, “La sovranità dell’Anima”, Matveichev sosteneva che la prematura scomparsa di Pushkin nel 1837 con un duello ufficiale francese Georges-Charles de Heeckeren d’Anthès è stato il risultato di un complotto per indebolire la Russia europea e ha messo il paese lungo la strada per il disastro, invece di quella per la supremazia culturale.

Copiando Matveichev quasi parola per parola, la Chapman ha scritto che il poeta si è rivolto al conservatorismo dopo essere disilluso dell’ “alta società” e fu sul punto di scrivere capolavori che avrebbe posto la Russia sulla strada giusta quando morì.

“Mezzo secolo [dopo la sua morte], liberali e socialisti hanno fatto razzia in Russia e ucciso lo zar, e più tardi posto le basi per la rivoluzione. Sono convinto che tutto sarebbe andato diversamente se Puskin fosse riuscito a scrivere le sue opere della maturità,”ha scritto.

Matveichev fa parte del consiglio della carità Chapman ed è attualmente vice governatore della regione di Volgograd. Non estraneo alla controversia, ha causato un putiferio l’anno scorso quando ha scritto sul suo blog di aver sognato di falciare gli oppositori del regime con i carri armati – come a piazza Tiananmen.

Chapman, 29 anni, ha mantenuto un alto profilo pubblico da quando è stato espulsa dagli Stati Uniti con nove altri “clandestini”. Da allora è apparsa in Russia e sulle pagine della rivista Maxim, e ha fatto da ospite ad uno show televisivo su Ren-TV su eventi paranormali.

Caryl Emerson professore all’Università di Princeton , esperto del 19° secolo della letteratura russa, ha detto che il lavoro di Pushkin è stato a lungo utilizzato per scopi politici.

“La storia di queste applicazioni di Puskin è un romanzo trash a sé stante”, ha detto via e-mail. “La voce che Puskin è stato ucciso da ‘cospiratori occidentali’ era un fiocco di stalinista memoria nel 1937 nel centenario della morte.”

fonte: tradotto e riadattato da themoscowtimes.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*