Abbandonano il Bolshoi per la libertà creativa

Avevano ricevuto tutto dalla loro carriera professionale: i ruoli, i premi, il riconoscimento, ma non è tutto oro quello che luccica.
In un annuncio shock, i protagonisti del balletto russo, i ballerini chiave del Teatro Bolshoi ovvero Natalia Osipova e Ivan Vasiliev, hanno detto che stanno lasciando la loro leggendaria Alma Mater per la libertà ….

In epoca sovietica, i migliori ballerini russi – Rudolph Nureev, Mikhail Baryshnikov, Aleksandr Godunov – fuggivano all’estero, in cerca di una vita migliore.
Ma la partenza dei due si presenta come un fulmine a ciel sereno. La coppia sposata ha annunciato di muoversi non alla Scala o al Palais Garnier, ma a San Pietroburgo.

I ballerini si sono uniti alla compagnia rivale del Bolshoi, il Teatro Mikhailovsky, che sta recentemente acquistando slancio internazionale.
La 25 enne Osipova e il suo marito 22 enne hanno già raggiunto il punto di riferimento ambito da altri ballerini del Bolshoi. Spesso definita come “la nuova Mikhail Baryshnikov”, Vasiliev ha fatto la sua svolta con Spartacus, mentre l’Osipova divenne sinonimo di Giselle.

“La ragione principale per cui me ne vado dal Teatro Bolshoi è la loro mancanza di repertorio,” spiega la ballerina moscovita.

Natalia Osipova
“Ho già ballato tutto ciò che può essere ballato. Siamo in partenza per la libertà creativa. La vita è diventata troppo comoda, mi sento un immenso bisogno di cambiare qualcosa, di liberarmi da questo corso troppo comodo e convenzionale che ha adottato.”

La ballerina in passato ha eseguito come guest star alla American Ballet Theater, e sarà ufficialmente unita alla troupe come prima ballerina nel gennaio 2012.
Vasiliev ha già girato il mondo, ballando con la moglie e la troupe del National Ballet inglese a Londra.
“Stiamo facendo progressi, vogliamo andare avanti, andare avanti, ma è molto difficile cambiare la nostra linea di ruoli al Bolshoi, dove un tempo brillava così intensamente. Noi non vogliamo chiuderci in due o tre cosiddette ‘ruoli firma’, abbiamo voglia di ballare di più, soprattutto nuova coreografia”.

Ivan Vasiliev
Presso il teatro principale della Russia, Osipova e Vasiliev hanno goduto solamente di limitata libertà, nonostante la loro popolarità e riconoscimenti in tutto il mondo. Come tutti gli altri ballerini, hanno atteso in una lunga coda per nuovi ruoli a venire. E, come molti altri, non avevano più di tre spettacoli al mese, con ruoli loro assegnati, senza il diritto di scegliere.

“La dimensione del palcoscenico non ha importanza per gli artisti. Ciò che conta è ciò che può essere eseguito su di esso, e come”, ribatte Vasiliev.
Il Direttore Generale del Teatro Bolshoi, tuttavia, suggerisce che la ragione principale dietro le dimissioni dei ballerini ‘è molto più coi piedi per terra, e gli stipendi preoccupazioni.

“Per quanto riguarda i motivi della decisione della danza classica solisti ‘, io sono convinto che non ha nulla a che fare con la creatività …” ha detto Anatoly Iksanov all’agenzia Itar-Tass.
Anche se il suo collega, capo del balletto Bolshoi Sergei Filin dice che il teatro continua a sperare che la coppia ripensi in merito alla loro decisione.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Arte e Cultura. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*