Dagli ultimi sondaggi saranno 4 i partiti alla Duma

A meno di una settimana dalle elezioni parlamentari, ieri è stato l’ultimo giorno in cui ai media russi era permesso di pubblicare i risultati del sondaggio che indicano le preferenze degli elettori.

Un sondaggio distribuito dalla agenzia di stampa Interfax dice che Russia Unita è probabile che mantenga la maggioranza parlamentare, ma perderà il suo status di maggioranza costituzionale – ovvero dei due terzi di seggi parlamentari necessari per apportare modifiche alla costituzione della Russia (Russia Unita ha ricevuto dopo le elezioni del 2007, quando ha ottenuto il 64,3% percento dei voti).

I sondaggi sono stati effettuati da due agenzie leader in Russia – tutta la Russia Centro di opinione pubblica e la Fondazione Opinione Pubblica. Secondo loro, Russia Unita è destinato a diventare il primo partito con una soglia che va dal 55 al 58 per cento dei voti, il Partito Comunista della Federazione Russa dal 16 al 19 per cento, il Partito Liberal Democratico otterrà tra l’11 ed il 14 per cento e Russia Giusta tra il 6,5 ed il 9,5 per cento. I sondaggisti hanno riferito che circa il 15 per cento degli elettori non aveva ancora preso una decisione e quindi i risultati delle votazioni potrebbero differire notevolmente rispetto alle previsioni.

Altri tre soggetti iscritti a partecipare alle elezioni – il partito Yabloko, Pravoe Delo e Patrioti della Russia – hanno segnato meno del 5 per cento soglia minima necessaria per ottenere seggi parlamentari.

I sondaggi prevedono inoltre che l’affluenza alle elezioni sarà tra il 58 e il 60 per cento degli aventi diritto. Solo l’1,7 per cento dei cittadini si sono detti pronti a sostenere un’iniziativa dall’opposizione come forma di protesta.

fonte: tradotto e rielaborato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*