Putin apre alla Schengen per l’Unione Eurasiatica

Vladimir Putin ha proposto la creazione di una nuova forza internazionale che faccia da ponte tra l’Europa e l’Asia, in un articolo comparso sul quotidiano Izvestia.

L’articolo Izvestia, pubblicato martedì scorso, riguarda principalmente la dimensione economica della proposta, ma tocca anche gli aspetti politici del progetto.

Putin, scrive che la creazione dello spazio economico comune nel 2012 è un progetto di integrazione di primaria importanza e costituirà un punto di riferimento storico non solo per la Russia, Bielorussia e Kazakistan, ma per tutti i paesi dell’ex blocco sovietico.

“È consigliabile creare una potente unione sovranazionale capace di diventare un polo nel mondo moderno, e al tempo stesso un efficace collegamento tra l’Europa e la dinamica regione dell’Asia-Pacifico”.

Il Primo Ministro afferma, inoltre, che l’unione doganale è iniziata nel 2011 e il previsto spazio comune economico costituirebbe la base per un futuro dell’Unione economica eurasiatica – un’organizzazione politica simile a quella dell’Unione europea di oggi.

Il primo ministro russo descrive l’Unione euroasiatica come un progetto aperto. “Diamo il benvenuto ad altri partner di parteciparvi, prima di tutto i paesi del Commonwealth, ma non vogliamo fare in fretta o spingere nessuno”, scrive Putin.

Allo stesso tempo, il premier russo sottolinea che la nuova unione non si opporrà all’Europa in alcun modo. “Alcuni dei nostri vicini cercano di spiegare la loro riluttanza a partecipare a progetti di integrazione avanzate nel spazio post-sovietico sul presupposto che contraddice la loro scelta presunto europea. Ma questo è un falso problema. Non abbiamo intenzione di mettere paletti a noi stessi da parte di chiunque o contro chiunque. L’Unione euroasiatica verrà creato sul principio di integrazione universale come una parte inseparabile di una grande Europa unita da valori comuni di leggi libertà, democrazia e mercato “, scrive Putin.

Inoltre, Putin sottolinea che la nuova formazione non sarebbe in alcun modo un tentativo di riportare l’Unione Sovietica. “Non stiamo parlando di resuscitare l’URSS in qualsiasi forma, ma una stretta integrazione sulla base dei nuovi valori, politica ed economia è l’ordine del giorno”, scrive Putin.

Inoltre, Putin scrive che i cittadini dell’Unione eurasiatica dei paesi membri potranno godere di una maggiore libertà di viaggio e di scelta del luogo per l’istruzione e il lavoro di cittadini dell’URSS aveva, con la proposta di Unione Eurasiatica utilizzando una politica di registrazione più mite. Per gli uomini d’affari l’Unione euroasiatica faciliterà l’accesso a nuovi mercati dinamici e alle offerte del governo da parte di tutti i paesi membri dell’Unione. Inoltre, gli imprenditori potranno scegliere liberamente il Paese su cui registrare la loro società in cui aumenterà la concorrenza tra le burocrazie e migliorare l’efficienza generale in tutti i paesi dell’unione.

Il Primo Ministro russo conclude che la fondazione dell’Unione eurasiatica si forgia di un percorso per i suoi membri attraverso il complicato mondo del 21° secolo e di diventare leader nel progresso verso la crescita globale e la civiltà, per gli obiettivi ultimi di successo e di prosperità.

L’addetto stampa del Primo Ministro, Dmitry Peskov, ha dichiarato che l’integrazione in seno all’Unione eurasiatica non esclude ulteriore ampliamento della cooperazione della Russia con l’Unione europea. “La cooperazione potrebbe andare avanti ad un ritmo diverso, ma è una cosa che assolutamente non esclude l’altra”.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*