Il Partito Comunista propone di indicare l’appartenenza etnica sul passaporto

Un alto funzionario del partito di governo “Russia Unita” ha criticato la proposta del partito comunista di riportare l’indicazione di origine etnica nei passaporti che suona come una manovra pre-elettorale populista che contraddice l’ideologia comunista.

Yuri Shuvalov ha detto ai giornalisti che una recente iniziativa del Partito Comunista della Federazione Russa di reintrodurre l’etnia dei titolari di passaporto è stato un mero tentativo di “fingere di essere i difensori della maggioranza” prima delle elezioni parlamentari di dicembre.
“Appartenere alla cultura russa non significa avere una semplice riga nel passaporto”.

Il funzionario di Russia Unita ha sottolineato che i comunisti si dichiarano di essere internazionalisti, e contemporaneamente fanno dichiarazioni nazionaliste. Shuvalov ha anche osservato che non era chiaro quale scopo particolare, servirebbe a riportare il “quinto articolo” – il nome comune della notazione etnica che è stato in vigore nel periodo sovietico.

“Se vogliono imparare la composizione etnica della popolazione del paese, i dati del censimento potrebbe servire meglio qui,” il funzionario di partito di maggioranza Russia ha detto. “E se vogliono determinare i diritti di ogni cittadino in relazione alla sua origine etnica, questo mostro lo stato attuale del Partito Comunista”.

Il “quinto articolo” esisteva nei passaporti sovietici, ma è scomparso dai Passaporti della Federazione russa che gradualmente hanno sostituito quelli sovietici nel 1990. Ci sono stati suggerimenti per consentire ai cittadini di indicare la loro appartenenza etnica nei passaporti sulla base volontaria, ma non ha guadagnato molta popolarità.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*