Uralkali, utile a 794k $ con metà agli azionisti

Il principale produttore russo di fertilizzanti a livello globale, Uralkali, ha segnalato per il primo semestre del 2011 un utile netto pari a 794.000 mila dollari in conformità agli standard IFRS, compresa la posizione finanziaria e il risultato economico del Gruppo Silvinit acquisito il 17 maggio 2011.

Nel primo semestre del 2010, l’utile netto era di 452 miliardi dollari.

Vladislav Baumgertner, CEO Uralkali, è ottimista circa i risultati, dicendo che l’attenzione dell’azienda per l’efficienza produttiva e la crescita della capacità produttiva ha portato ad una travolgente performance finanziaria
“La performance operativa e finanziaria di Uralkali nel 1 ° semestre del 2011 è stata molto forte. La nuova società continua ad essere tra i produttori più efficienti di potassio nel mondo. La crescente domanda di cloruro di potassio ha permesso a Uralkali di utilizzare le proprie capacità produttive per quasi il 100%. “, ha riferito Baumgertner.
La società ha detto che la fusione dei due produttori russi di potassio,Uralkali e Silvinit, dovrebbe portare una sinergia con conseguente crescita dei volumi di efficienza e di produzione.
“La combinazione dovrebbe produrre un notevole sinergia tra cui l’ottimizzazione delle attività operative e di trasporto, riducendo i costi commerciali e amministrativi e lo sviluppo del complesso delle risorse di base per la crescita organica della società. Il livello annuale di risparmio derivante dalle sinergie ammonterebbe a circa $ 100 milioni a partire dal 2013. La capacità produttiva di Uralkali ammonta ormai a 11,5 milioni di tonnellate di cloruro di potassio all’anno. I piani di Uralkali per rafforzare ulteriormente la propria posizione di produttore leader di potassio attraverso la sua strategia di crescita sostenibile, con ulteriori piani per raggiungere i 13 milioni di tonnellate di cloruro di potassio per anno”, si legge nella dichiarazione.

Baumgertner ha aggiunto che la società ha approvato nuovi regolamenti nella politica dei dividendi, basandosi sulla sostenibilità del business e una previsione di spesa ridotta.
“Prevediamo una crescita significativa dei flussi di cassa in Uralkali nei prossimi anni a causa della situazione di mercato favorevole e grazie alla nostra capacità di aumentare la produzione. Questo è il motivo per cui non richiederà notevoli investimenti finanziari.Tenendo conto di ciò, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di pagare agli azionisti almeno il 50% dell’utile netto come dividendi“, ha riferito Baumgertner.

fonte: tradotto e riadattato da rt.com

Questa voce è stata pubblicata in Economia. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*